Ciao, sono bollino!

Bruciori di stomaco? Mastica lentamente!

Tempo di lettura: 5 minuti
Bruciori di stomaco Mastica lentamente
Pensate quanto sarebbe bello: riuscire più facilmente a perdere peso, affrontando con maggior successo la prova costume, e riuscire, al contempo, a combattere anche l’acidità di stomaco e quel senso di digestione laboriosa che fa di ogni dopo-pasto un momento di appesantimento, con sonnolenza che magari si accompagna anche ad un leggero mal di testa. Il tutto con un semplice rimedio: dobbiamo imparare a masticare lentamente, ricordando che la digestione corretta inizia dalla bocca: il cibo dovrebbe essere triturato con cura, usando le diverse funzioni dei denti e sfruttando al meglio l’azione degli enzimi prodotti dalle ghiandole salivari. Quando ogni boccone non è masticato per il tempo necessario, lo stomaco si trova a far fronte ad un’elevata quantità di alimenti che giungono in poco tempo e queste aumenta la fatica che l’organo deve fare per la digestione.
Ma non basta: quando si consumano alimenti molto “densi”, come ad esempio il classico panino imbottito, il lavoro  per lo stomaco fa davvero pesante, soprattutto per chi è più soggetto a piccoli problemi di stomaco: la digestione diventa così più lenta e aumenta la possibilità che compaia anche la classica acidità di stomaco. Ovviamente per questo problema occorre anche  limitare gli alimenti particolarmente grassi e difficili da digerire, che impegnano per diverse ore il processo digestivo, oltre ai cibi potenzialmente “irritanti” come ad esempio gli agrumi, il cioccolato e il pomodoro.
Infine occorre abolire il vizio del fumo ed evitare gli alcolici, oltre al consumo di bevande gassate. Per il resto, conviene cercare di controllare al meglio lo stress, fattore che può amplificare acidità e . Per controllare i fastidi, un aiuto può venire dai farmaci di automedicazione. Sono disponibili diversi medicinali contenenti sostanze che hanno la capacità di “tamponare” l’eccessiva acidità dello stomaco, consentendo un  rapido ritorno al benessere, oppure capaci di  ridurre la produzione di acido e quindi la conseguente iperacidità da parte della parete del viscere. Ma la prima cura è sempre quella di avere sane abitudini alimentari, dalla scelta di quello che mettiamo nel piatto fino al modo di mangiarlo. La masticazione lenta può essere un’utile ricetta per il benessere dell’apparato intestinale e non solo. Potrebbe infatti rivelarsi un buon rimedio per il controllo del peso. Stando a quanto riporta una ricerca dell’Università di Bristol, chi è lento nel consumare il cibo tende ad avere una più prolungata sensazione di sazietà. Risultato: si è meno soggetti ad “attacchi di fame” e si aspetta di più prima  di mangiare nuovamente. 

News correlate

Quanto bisogna spettare per tuffarsi?
News
L’abbiamo fatto noi da bambini e continuano a farlo adesso i più piccoli: fremere dall’impazienza di butt...
“Rumini” il cibo? Occhio allo stress!
News
Combattere la tensione aiuta anche a mangiare meglio. Mettiamo innanzitutto i paletti necessari: la rumin...
L’alcol non si addice alle donne
AntinfiammatoriNews
Non siamo tutti uguali. Ma se vi attende una serata di degustazione, sappiate che per le quote rosa gli effett...