Ciao, sono bollino!

Che pancia gonfia dopo il gelato!

Tempo di lettura: 4 minuti

Il rappresenta un alimento irrinunciabile, specialmente durante l’estate: una valida merenda per il pomeriggio, un alimento rinfrescante per il dopocena. Ma chi fa particolare fatica a digerire deve fare attenzione, soprattutto perché alimenti troppo freddi possono alterare i processi digestivi, causando a volte dispepsia, meteorismo, crampi addominali. Tutti questi disturbi possono essere adeguatamente trattati con i , che certamente aiutano tra le altre cose a eliminare i gas intestinali, derivanti dalla cattiva digestione o a rilassare gli spasmi intestinali.

I sintomi più comuni, tuttavia, legati a forme parziali e non particolarmente gravi di intolleranza al lattosio, sono meteorismo e una sgradevole sensazione di gonfiore all’addome, che a volte può determinare anche un dolore diffuso seppur non intenso. Essere intolleranti al lattosio significa non riuscire a digerire del tutto o in parte il lattosio, uno zucchero naturale che si trova nel latte e nei latticini. La produzione della lattasi, l’enzima che permette di digerire il lattosio, raggiunge il suo apice alla nascita, in preparazione dell’allattamento materno e si riduce dopo lo svezzamento, in funzione dell’ampliamento dell’alimentazione. Nelle forme più intense di intolleranza, è necessario arrivare a una diagnosi corretta, che si ottiene attraverso un particolare esame chiamato , letteralmente “test del respiro”. Il controllo prevede la somministrazione di una soluzione con una dose nota di lattosio e la valutazione su un apparecchio della produzione di idrogeno da parte dei batteri dell’intestino.

Più in generale, se avete problemi digestivi, ricordate che in media un gelato è costituito dal 60% di acqua, e la percentuale può addirittura salire di molto quando si preferiscono i gusti alla frutta, con conseguente calo dell’apporto calorico. In questi gelati, infatti, si può ridurre il latte e anche fare a meno della panna, che invece è l’ingrediente tipico delle creme. Non ci sono quindi particolari problemi per chi non vuol rinunciare al fresco piacere di questo alimento; un solo avvertimento va dato alle persone in sovrappeso: scegliete gusti alla frutta, così da soddisfare il palato senza però gravare sui chili di troppo.

News correlate

I mille benefici della salvia
Rimedi della nonna
Capita anche in estate di avere sintomi di natura infiammatoria: un mal di gola, una parodontite o semplicemen...
Scottature solari, punture di insetto, dermatiti: parola al Dott. Luigi Naldi
Parola all'esperto
La pelle è il più esteso organo del corpo umano e tra i più delicati; grazie all’approfondimento del Dott...
Prendere un brutto raffreddore? Dipende anche da chi starnutisce!
News
I virus parainfluenzali impazzano: sbalzi di temperatura, permanenza lunga in luoghi chiusi, contatti ravvicin...