Ciao, sono bollino!

Cistite, tutti i consigli per controllarla

Tempo di lettura: 4 minuti

La ricetta per tenere a bada il rischio di infiammazione della passa soprattutto attraverso le buone abitudini. Non bisogna dimenticare, tuttavia, che dolore e bruciore delle vie urinarie non sono sempre sinonimo di infezione. Per avere la certezza che si tratti di un’infezione bisogna sempre consultare il proprio medico, anche per la prescrizione di un’eventuale terapia antibiotica da seguire con cura e non interrompere quando i sintomi si riducono. Per mantenere le vie urinarie in salute è indispensabile bere molta (almeno 1,5-2 litri al giorno) ed evitare di assumere cibi o bevande piccanti o irritanti, che possono promuovere l’insorgenza di infiammazioni. Tra i primi sintomi, la frequenza della minzione è certamente un primo campanello d’allarme: bisogna fare attenzione se l’emissione dell’ non è regolare come al solito e se aumenta il bisogno di urinare a seguito della comparsa di un fastidioso bruciore. E’ importante far sì che il lavaggio naturale della vescica, prodotto dall’urina, sia regolare e per questo è necessario bere molto.

Oltre a bere, bisogna fare attenzione anche a ciò che si immette nell’organismo; l’ideale, è creare un’ambiente difficile e ostile alla sopravvivenza dei i germi e pertanto sono indicate bevande che permettono di acidificare le urine, visto che in un ambiente acido i batteri si riproducono con maggior difficoltà. Tra queste ricordiamo le spremute di , e in particolare di limoni, mentre sono da ridurre , tè, e alcool. Come accade per chi esagera con i cibi troppo piccanti, infatti, un eccesso nel consumo di e caffeina potrebbe risultare irritante per la parete interna della vescica e quindi facilitare lo sviluppo dei germi. In termini generali, gli alimenti ricchi di come pesce, legumi, latte e derivati favoriscono la produzione di urina; al contrario, meglio evitare eccessi nel consumo di pane, pasta o altri carboidrati, che possono ridurne il flusso: questa regola andrebbe seguita soprattutto a cena, per la maggiore possibilità che ha l’urina di concentrarsi e rimanere nella vescica per diverse ore durante la notte. Infine, meglio non sottovalutare l’aiuto che può venire dalle di stagione: cavolo, porro, cicoria, carciofi e cipolle possono essere molto utili per prevenire le recidive e per ridurre i sintomi.

News correlate

Quali semi ci nutrono come il pesce?
News
I semi di Chia vengono da una pianta coltivata in Messico e in Bolivia e le sue proprietà sarebbero già note...
Avete freddo? Non sperate nel vin brulè per riscaldarvi davvero!
News
Quando si è in montagna o comunque il clima è davvero molto rigido il bicchierino di vin brulè o il superal...
Gengive arrossate? Provate la salvia!
Rimedi della nonna
Quando i nostri vecchi avevano le gengive sanguinanti, per proteggere i denti dall’infiammazione masticavano...