Ciao, sono bollino!

Anche in autunno, evviva il nuoto

Tempo di lettura: 3 minuti
nuoto

L’attività fisica regolare in piscina è utile, ma attenzione agli sforzi troppo intensi

Il movimento in acqua consente di far sviluppare in maniera armonica i diversi fasci muscolari a patto che le bracciate siano quanto più possibile fluide, dolci e continue. E soprattutto, senza esagerare con un occhio al cronometro se non si è allenati. Non serve a nulla, ed anzi può risultare addirittura dannosa, una nuotata rapida e veloce cui segue un lungo riposo.  Meglio invece, per chi va in piscina, ripetere i 50 metri ripetuti per dieci volte, con almeno una decina di secondi di pausa tra un vasca e la successiva. E dopo un necessario periodo di riscaldamento. Esagerando si può andare incontro ad affaticamento muscolare, con dolori localizzati alle gambe, o a , soprattutto al polpaccio, se si esagera con lo sforzo. Quando i dolori muscolari insorgono dopo uno sforzo fisico intenso occorre fermarsi immediatamente. Per prevenire i fastidi conviene cercare di fornire al corpo sali minerali e sostanze utili per il muscolo per eventuali momenti di carenza. Non appena il dolore muscolare si presenta, soprattutto se non c’è stato un trauma a giustificarlo, bisogna fermarsi e massaggiare la parte colpita. Dopo di che, se il dolore non diminuisce e si manifesta dopo un piccolo sforzo, conviene rassegnarsi e mettersi a riposo. Magari con il supporto di farmaci antinfiammatori nelle forme più gravi o comunque con pomate lenitive. 

 

News correlate

Impossibile concentrarsi? Occhio al cellulare!
NewsStress
In questo periodo le vacanze sono ormai diventate un ricordo. La tensione al lavoro e a scuola, con le scadenz...
Quando i funghi attaccano le unghie
News
Attenzione alle lesioni da miceti. Possono colpire anche le unghie. Anche le unghie si ammalano. Queste s...
Quando l’umidità fa bene!
Meteo saluteNews
Ci sono sintomi che possono anche migliorare quando le giornate si fanno bigie e la pioggerellina ci accompagn...