Ciao, sono bollino!

Dormite male? Occhio alla luce blu!

Tempo di lettura: 3 minuti
luceblu

Insonnia, occhio secco, irritazioni, fastidio: tutti i disturbi della troppa esposizione a e L’avvento dell’ora solare e i pensieri spesso causati dal lavoro possono condurre alla difficoltà nel cadere tra le braccia di Morfeo. I farmaci di automedicazione possono essere di grande aiuto per combattere i fastidi, ma occorre anche prestare attenzione alle cattive abitudini, come quella di rimanere a letto fissando i messaggi sui social network o guardando video sul tablet. Il motivo? La . Sia chiaro: la è ovunque, anche se la sua intensità è variabile. In ambienti esterni è presente in ogni momento dell’anno e in qualunque condizione atmosferica, con un aumento nel periodo della primavera e dell’estate. E già questo dovrebbe farci riflettere. Il problema, per gli utenti irrefrenabili degli smartphone, nasce soprattutto negli ambienti chiusi e soprattutto a letto. La può giocare un ruolo positivo per l’organismo. Questo tipo di luce infatti stimola la produzione di melatonina, responsabile della regolazione del ciclo del sonno-veglia ed è pertanto il più potente sincronizzatore dell’orologio biologico umano. Cosa significa? Se di giorno l’azione è estremamente valida, di notte esagerare con l’esposizione a queste luci può “sballare” il ritmo del sonno. E non solo: Quando ci si espone per periodi prolungati alla di questi strumenti possono comparire affaticamento visivo, secchezza, irritazione e rossore oculare, a volte anche mal di testa

News correlate

Il materasso giusto? E’ la felicità
News
Per chi soffre di mal di schiena non solo farmaci di automedicazione: conta anche il letto! Le vacan...
Chi poco dorme, più mangia!
AlimentazioneNewsStress
Meno di sette ore a notte di riposo e si mangia (e si beve!) di più. Che esistesse un rapporto molto str...
L’uomo mangia di più se è in dolce compagnia?
AlimentazioneNews
Quando è con le donne il maschio mangia di più: lo dice una ricerca americana. Se dovete tenere sotto c...