Ciao, sono bollino!
21 Novembre 2016

Inverno a tempo di tosse

Tempo di lettura: 4 minuti
tosse

Con l’arrivo dell’inverno e delle sue malattie stagionali la tosse ci fa spesso compagnia nelle fredde serate invernali, non ci abbandona ostacolando e rallentando le nostre capacità di concentrazione e le nostre incombenze quotidiane. Anche se ci provoca fastidio ed è nemica del benessere, la tosse rappresenta un meccanismo di difesa estremamente efficace per l’organismo umano. Lo scopo di questa reazione è, infatti, di allontanare particelle, sostanze o addensamenti che si possono formare all’interno dell’apparato respiratorio e che influiscono negativamente sul normale passaggio dell’aria. Grazie alla tosse, le vie respiratorie si ripuliscono dalle impurità (polveri e sostanze nocive ambientali) e dalle secrezioni di catarro che possono prodursi in seguito ad un’infiammazione delle vie respiratorie a causa dell’azione patogena di moltissimi virus presenti nell’aria.

La tosse si divide in 3 tipologie:

  • Tosse secca e stizzosa, cioè senza produzione di muco.
  • Tosse “grassa” o produttiva, porta ad emissione di catarro.
  • Tosse cronica è chiamata tipicamente “tosse del fumatore” e si presenta ciclicamente tutto l’anno.

Il colpo di tosse occasionale non crea particolari problemi, ma quando gli accessi si ripetono costantemente e la tosse si manifesta, la prima regola da seguire è cercare di capire come nasce la tosse e pensare ad un trattamento che sia “modellato” in base alle caratteristiche del sintomo, anche attraverso i farmaci di automedicazione. Tra questi possiamo utilizzare: i farmaci con funzione antinfiammatoria delle prime vie aeree, i farmaci e infine i farmaci .

Per aiutarvi, ecco alcune buone abitudini per prevenire e combattere i disturbi della tosse:

  • Si deve prestare attenzione agli ambienti eccessivamente secchi;
  • È importante quindi mantenere il giusto livello di umidità ambientale, con umidificatori se l’aria è troppo secca o anche solo appoggiando salviette umide sui termosifoni;
  • Con l’irrigidirsi delle è bene non prendere freddo e coprire oltre la gola anche il naso;
  • In caso di tosse grassa consumare frequentemente bevande calde come tè e brodo, al fine di favorire una riduzione dell’irritazione delle prime vie respiratorie e rendere più fluido il muco;
  • Soprattutto se la tosse è produttiva, si consiglia di dormire a pancia in giù per evitare che il catarro si accumuli in prossimità della laringe.

News correlate

Troppo inquinamento, cervello in tilt
20/03/2019
News
La stagione fredda, per fortuna, ci sta abbandonando. E iniziamo a passare più tempo all’aria aperta. Tutta...
L’influenza passa all’uomo anche dai cani?
15/10/2018
AntinfiammatoriNews
E’ presto per stare a letto con l’influenza. Il virus che provoca l’infezione respiratoria più temuta d...
Antibiotici, non usateli se non servono!
7/03/2019
AntinfiammatoriNews
Anche se la stagione influenzale “sta scemando”, sono ancora tanti, in questo periodo i cugini del virus i...