Ciao, sono bollino!

Sei stanco e stressato? Leggi un libro!

Tempo di lettura: 4 minuti
Sei stanco e stressato Leggi un libro
Aspettate le vacanze estive come un miraggio ancora lontano? Non riuscite a superare i piccoli disturbi che lo stress e la vita di tutti i giorni provocano alla nostra salute, dalla digestione lenta, alle , fino ai bruciori di stomaco e a quel fastidioso che colpisce a fine giornata? La prima soluzione, ovviamente, è cercare di lenire i problemi, e in questo possono essere di grande aiuto i farmaci di automedicazione, a partire dai Fans per il mal di testa e i classici dolori alla fino ai tanti rimedi che possono aiutarci a contrastare la digestione troppo laboriosa (attenzione ovviamente a non esagerare con i piatti eccessivamente “pesanti”). Ma non dimenticate che anche la lettura può essere di grande aiuto per chi deve ritemprarsi e trovare tempo per sé stesso, senza rimanere provato dalla tensione legata alle attività quotidiane. Non ci credete? Lo dicono gli scienziati dell’ che, con un calcolo davvero arzigogolato, arrivano a dire che con trenta minuti dedicati alla lettura di un buon libro ogni giorno si arriva ad allungare la vita. Ovviamente, questa “terapia” non va assunta occasionalmente, ma deve diventare una vera e propria abitudine quotidiana. Sempre stando allo studio americano, infatti, occorre che “la cura” sia fatta per diversi anni. Certamente la prescrizione alla lettura non è una cura troppo pesante da sopportare e ha l’effetto positivo di farci conoscere  tanti mondi diversi. Il meccanismo ipotizzato per spiegare questa curiosa osservazione, che fa dei libri uno strumento per il benessere (si può scegliere il genere che si preferisce, a patto di “consumare” le pagine con regolarità) si lega all’effetto diretto della lettura su alcuni fattori correlati allo stress come ad esempio l’accelerazione del   – che con la lettura prolungata viene frenata –  e gli incrementi, anche minimi, della . A confermarlo uno studio condotto all’ che ha dimostrato che la lettura regolare comporta una riduzione della , parametro indiretto della tensione. Gli scienziati hanno esaminato alcuni volontari sani, sottoposti a condizioni che potevano indurre stress. Dopo la lettura di un buon libro, portata avanti per una mezz’ora, le pulsazioni e la pressione si sono ridotte, nonostante la permanenza degli elementi che potevano indurre lo stress. Insomma: non dimenticate mai di portare con voi un buon libro: fa bene al corpo e alla mente! 

News correlate

Siamo sempre più malati di techneck
News
Il termine, si sa, viene dal mondo anglosassone. Ma chi ne soffre non ha confini. E tante persone, anche da no...
Bambini e caldo, occhio ai rischi!
DoloreFarmaci di automedicazioneNews
Le vacanze di un bambino? Giornate al mare tra bagni e giochi, gite fuori porta in campagna e corse tra i prat...
Un “mostriciattolo” ci guida nel percepire il dolore
Farmaci di automedicazioneNews
La sensazione dolorosa “viaggia” per il nostro corpo per essere decodificata dal cervello. Ogni volta...