Ciao, sono bollino!
31 Dicembre 2019

Una banana per il magnesio perduto degli sportivi? Serve a poco!

Il è un l’undicesimo elemento più abbondante nel corpo umano ed è essenziale per tutti i tessuti e le cellule. Una mancanza di può generare crampi muscolari, debolezza, affaticamento e astenia. Infatti, nei striati si trova il 20% del presente nell’organismo. Grandi quantità sono presenti, oltre che nelle cellule e negli spazi intracellulari soprattutto nello scheletro (60%).

Proprio perché il magnesio è una componente importante del nostro apparato muscolo-scheletrico, quando sia fa intensa e prolungata, può essere buona abitudine reintegrare quei sali minerali, tra cui appunto il magnesio, che si perdono attraverso il sudore Questo non vale solo d’estate, quando fuori fa caldo ma anche di inverno quando lo si fa all’interno in ambienti riscaldati che possono raggiungere temperature comunque elevate. Si dice che per fare il pieno di magnesio dopo uno sforzo fisico intenso non ci sia nulla di meglio di una banana. Ma ne siete proprio sicuri? Se pensate di risolvere eventuali carenze passeggere con il frutto, sappiate che probabilmente la strada non è quella giusta. Mediamente, per 100 grammi di banane si immettono nell’organismo meno di 30 milligrammi di magnesio, più o meno un decimo rispetto a quanto si verifica con il cioccolato (anche se ovviamente il contenuto calorico è profondamente diverso!).

Questi frutti, insomma, vanno benissimo anche perché contengono e . Ma non considerateli fondamentali per avere a disposizione quantità elevate di magnesio. Meglio prediligere frutta secca o un pasto a base di legumi.