Ciao, sono bollino!

Troppo caffè? Annusa le urine!

di lettura: 3 minuti
Troppo caffe Annusa le urine
La pipì, si sa, indica molte cose. Soprattutto in questa stagione, in cui complice il e la sudorazione si tende ad urinare di meno, producendo un liquido molto concentrato. Un tempo, quando non erano disponibili gli esami di adesso, il medico aveva l’abitudine di annusare le urine del malato per  formulare la diagnosi.
Più semplicemente, allo stesso modo, le nostre riuscivano a capire se una persona aveva esagerato con un certo alimento. Volete un esempio? Quando superate i 4-5 al giorno, anche le urine potrebbero esalare l’aroma della bevanda e indicarci che è il momento di limitare l’introito di caffè.
A creare “odore” nel liquido biologico, infatti, ci sono i polifenoli contenuti nell’espresso che vengono assorbiti dall’ e poi, dopo essere stati metabolizzati” vengono eliminati con le urine. Se la di questi ed altri componenti è particolarmente elevata, anche l’odore delle urine si modifica.
Quello del caffè è solo uno dei tanti esempi che correlano l’odore delle urine con il consumo e l’eventuale eccesso di alcuni alimenti, i cui componenti possono riconoscersi nel liquido prodotto dal rene per eliminare gli scarti dell’.
Ad esempio, come può accadere in questo periodo, bisogna prestare attenzione agli asparagi, al salmone, al grano soffiato, senza dimenticare i più noti “profumatori” come alcol e aglio. Ci sono poi degli alimenti “insospettabili”, in questo senso. Per chi eccede con il peperoncino, che pure aiuta a dilatare i vasi e a combattere l’, c’è il rischio che la capsaicina contenuta nel vegetale si ritrovi in quantità nelle urine con conseguente percezione olfattiva.