Ciao, sono bollino!

Attenzione al gelato se soffrite di disturbi all’intestino

di lettura: 3 minuti
Evviva il gelato

Attenzione a chi soffre di “colite”: il può mettere a disagio l’Un giusto mix di e zuccheri. Ecco l’identikit del gelato, alimento che a volte può davvero aiutarci a sostituire un pasto, oltre che rappresentare un ottimo snack e un dessert fantastico.

Prima di tutto, sfatiamo un mito: il gelato non è una pericolosa “bomba” calorica. Contiene circa 200-250 l’etto: le proteine rappresentano circa il quattro per cento (calano nei gelati di ), i il 12-13 per cento del totale e gli zuccheri il 20 per cento. Per cui è sicuramente meno “pericoloso” per la linea di altri dolci a base di panna o crema, in cui la presenza di è molto minore.

In media un gelato è fatto dal 60 per cento di acqua, e la percentuale può addirittura salire di molto quando si preferiscono i gusti alla frutta, con conseguente calo dell’apporto calorico. In questi gelati, infatti, si può ridurre il latte e anche fare a meno della panna, che invece è ingrediente tipico nelle creme.

Attenzione soltanto se avete qualche piccolo disturbo all’intestino e soffrite di colon irritabile (quella che un tempo si chiamava colite) e avete spesso diarrea. Il freddo stimola un particolare riflesso (chiamato gastrocolico), che favorisce i movimenti dell’intestino. Tuttavia, basta mangiare lentamente coni e coppette, per evitare problemi, per chi invece ha i calcoli alla colecisti meglio i gusti di frutta.

E non solo per il palato, infatti cioccolato, e panna possono anche stimolare l’attività di questo organo e quindi scatenare, specie in chi già beve molti , piccole coliche, ma solo in caso di esagerazioni.

Tags