Ciao, sono bollino!

Ballare, un toccasana per fisico e mente!

Ballare, un toccasana per fisico e mente!
Tempo di lettura: 2 minuti

Cosa fareste se vi proponessero una terapia che vi permette di controllare il peso, di limitare le ascese del colesterolo nel sangue, di mantenere una massa muscolare invidiabile? Il tutto divertendovi? Probabilmente accettereste con grande gioia la proposta. Ebbene, sappiate che per chi si muove regolarmente a passo di danza, magari prediligendo balli sensuali come il tango – di cui l’11 dicembre ricorre la giornata mondiale – che solleticano l’apparato muscolo-scheletrico, c’è da attendersi risultati di questo tipo. Soprattutto per il gentil di mezza età.

Danzare, facendo ovviamente attenzione a muscoli e articolazioni che non debbono essere messi a rischio con movimenti e sollecitazioni eccessivi e poco adatti alle caratteristiche di ognuno, può essere davvero un salvacondotto per il benessere al femminile. A dirlo è una ricerca degli esperti dell’Università Statale di San Paolo del Brasile pubblicata sulla rivista scientifica Menopause. La ricerca evidenzia che oltre ai benefici sul piano strettamente fisico, dopo il ciclo di “terapia” a suon di lo stato psicologico e l’autostima delle “danzatrici” sono migliorati.  Muoversi a tempo di musica, in palestra o a casa, può diventare una sana abitudine che aiuta, quindi, a tenersi in forma e a sentirsi meglio con sé stesse. Si tratta di una forma di fisioterapia leggera, dolce e armonica. Il ritmo della musica stimola la motilità automatica, sollecitando meccanismi neuromotori di prevenzione per quanto riguarda il mantenimento dell’equilibrio, la correzione della postura e la fisiologia del cammino.

C’è anche un vantaggio in più, in chiave puramente fisica: in base al tipo di ballo, si possono scegliere i fasci muscolari da potenziare. Per chi punta a rimettere a posto i glutei un po’ troppo abbondanti e poco tonici, il consiglio è quello di puntare sulle musiche latino-americane. Se dovete fare i conti con un pizzico di mal di schiena, poi, niente di meglio dei movimenti flessuosi e lenti del tango argentino. Infine, se avete bisogno di rinforzare gli addominali indeboliti da troppe abbuffate, puntate sulla rumba. E se proprio non riuscite a frequentare regolarmente una palestra o le piste, fate in modo di allenarvi a casa: le moderne attrezzature informatiche e videogames che consentono di seguire la e imparare i passi “giocando” direttamente sullo schermo televisivo sono davvero l’ideale per chi non ha tempo per raggiungere i sacri luoghi del ballo.

L’importante, in ogni caso, è non richiedere troppo all’organismo e muoversi, a tutte le età, ricordando che l’apparato locomotore ha bisogno delle giuste attenzioni. Altrimenti c’è il rischio di andare incontro ad acciacchi e piccoli disturbi che è sempre meglio evitare. Volete quattro motivi per danzare, in conclusione? Pensate che il ballo potenzia i muscoli, migliora la coordinazione, favorisce la respirazione e aiuta il cervello a mantenersi in forma. Buon ballo a tutti!

Tags