Ciao, sono bollino!

L’eritema solare si previene anche a tavola

di lettura: 3 minuti
L eritema solare si previene anche a tavola
Pustole, prurito. Bastano poche ore di per trovarsi a far fronte a questi disturbi. I , in alcune persone, non sono solo causa di scottature ma possono diventare la causa di un quadro ben definito, chiamato eritema solare. Sul fronte della , che va discussa con il quando l’eritema è molto esteso, gli e gli disponibili come possono offrire sollievo. Inoltre, le parti colpite devono essere protette dalla diretta esposizione al sole, correttamente idratate e pulite. In qualche giorno, il problema si risolve. Tuttavia, in chiave preventiva la scienza dice che, oltre a prendere il sole con attenzione, senza esagerare, scegliendo le ore giuste, nel rispetto del proprio tipo di e adeguatamente protetti, si può puntare anche sulle scelte alimentari. Per aiutare la pelle a sopportare la situazione conviene cominciare presto ad assumere sostanze antiossidanti in quantità che consentano di combattere l’accumulo di radicali liberi. Ad esempio, vanno benissimo i cibi più ricchi di vitamina C, E, zinco e beta-carotene, come agrumi, pomodori, peperoni, cavoli, broccoli, carote, spinaci, albicocche, mandorle, noci, nocciole, olio di oliva, germe di grano, yogurt, pane integrale. Per il resto, ricordate di prendere il sole sempre con le giuste cautele. A volte, se i rimedi comuni non bastano, può diventare necessaria la visita del dermatologo che può indicare cure mirate a ridurre l’eccessiva risposta della pelle ai raggi solari.