Ciao, sono bollino!

Anche le formiche nel loro piccolo…

Tempo di lettura: 3 minuti
formica

…possono creare problemi. L’automedicazione combatte ponfi e In questo periodo è facile cercare relax e refrigerio sotto un albero, dopo una gita in campagna o durante uno splendido pic-nic. Ma non bisogna sottovalutare i possibili fastidi creati dagli . E non ci riferiamo solo ai “nemici” volanti, come , vespe o calabroni, ma anche alle più innocue, almeno all’apparenza, . Vivono spesso vicino ai tronchi d’albero: quasi sempre si tratta di nere, pronte ad incolonnarsi per qualche briciola di pane. Ma ci sono anche animali di altro colore, come la formica rossa dei boschi che vive invece vicino ai tronchi di conifere, come abeti o larici. Il problema è che anche le possono “attaccarci” rilasciando una particolare sostanza, l’acido formico. Normalmente questa puntura non crea alcun problema, ma a volte può dar luogo a un’intensa reazione infiammatoria. Un ponfo arrossato è il segnale della puntura e deve essere subito combattuto, anche per evitare il rischio di successive infezioni. All’inizio va benissimo un cubetto di ghiaccio sulla parte colpita (in questo modo si riduce l’infiammazione), ma, se possibile, è meglio utilizzare farmaci di automedicazione ad azione antinfiammatoria e antistaminica, che favoriscono la riduzione dell’entità della reazione infiammatoria e possono avere un’azione lenitiva grazie all’applicazione topica, ovvero direttamente sull’area colpita da dolore e prurito.

News correlate

Che bella l’estate, cala l’infiammazione!
Meteo saluteNews
Secondo una ricerca del Cambridge Institute for Medical Research, apparsa su Nature Communication, le difese d...
Attenti a quei fiori!
Farmaci di automedicazioneNews
Anemone, giacinto, mughetto, tulipano. Tranquilli, non stiamo facendo la pubblicità per una catena che propon...
Salute e internet: come difendersi dalle bufale on line
News
Oltre la metà degli Italiani si affida al web per cercare informazioni relative alla salute, solo su Google l...