Ciao, sono bollino!

Bruciano le gengive? Provate con il latte

Tempo di lettura: 3 minuti
Bruciano le gengive Provate con il latte
“Prima di andare a letto, lavati bene i denti”. Quante volte le nostre nonne ci hanno ricordato l’importanza dell’igiene orale. E quante volte, in caso di bruciore, arrossamento e sanguinamento del tessuto che circonda i denti, ci dicevano di “rinfrescare” la bocca con un bicchiere di . Ebbene, oggi la scienza dice che avevano ragione. A confermare le teorie del buon tempo antico sono alcuni studi giapponesi e tedeschi secondo cui un buon apporto quotidiano di latticini e un consumo adeguato di frutta e verdura sono efficaci nel tenere sotto controllo l’infiammazione gengivale. 
Uno studio condotto da ricercatori dell’Università giapponese di Fukuoka, su oltre 940 partecipanti, e pubblicato su , ha evidenziato  che consumare quotidianamente una porzione di almeno 55 grammi di latte, yogurt o formaggi, aiuta a ridurre l’infiammazione gengivale. Più in generale una dieta che possa preservare le gengive abbonda, infatti, di frutta e verdura per fare il pieno di vitamine, degli acidi grassi ‘buoni’ dell’olio extravergine d’oliva e del pesce, delle proteine di uova, latte e prodotti ittici, ricchi anche di vitamine preziose per la salute orale. Da ridurre invece i cibi e le bevande che rendono più acido l’ambiente orale, come gli agrumi consumati in eccesso, le bibite gassate e gli zuccheri raffinati di cui  sono ‘ghiotti’ i batteri che provocano la placca e l’infiammazione gengivale. 

News correlate

Mal di pancia, occhio ai cibi fodmap
Rimedi della nonna
Dolori, contrazioni e crampi addominali, gonfiore e meteorismo. Quando si presentavano questi disturbi, spesso...
Un buon brodo caldo contro il mal di gola fuori stagione
Rimedi della nonna
A volte le cose più semplici che consigliavano le nostre nonne si rivelano tremendamente efficaci per aiutarc...
Se i capelli cadono, tuorlo d’uovo!
Rimedi della nonnaStress
Un tempo le nonne in alcune zone d’Italia usavano strani impiastri con tuorlo d’uovo, che facevano “gocc...