Ciao, sono bollino!

In estate attenzione alle vene e alla pelle

Tempo di lettura: 4 minuti

Finalmente la bella stagione è arrivata e molti di noi non vedono l’ora di potere trascorre le giornate all’aria aperta, dopo il lungo inverno e quest’ultimo periodo di quarantena forzato nelle nostre abitazioni dovuto al Covid-19. Come tutti gli anni, però, è necessario ricordarci di proteggere le nostre vene e la nostra pelle dall’ azione delle alte temperature. In caso di forte e , infatti, le vene possono gonfiarsi, mentre la pelle si trova maggiormente esposta al rischio di : i funghi, infatti, si sviluppano più facilmente quando l’ambiente è caldo-umido.

La possibilità di contrarre micosi è più comune nei bambini e nei giovani, sia per il tipo di abbigliamento sia per la maggiore propensione a praticare sport. Soprattutto nelle docce e nei luoghi umidi come le piscine, i miceti si diffondono con maggior facilità, con la conseguente maggiore possibilità di contrarli. I sintomi sono diversi: prurito, pelle che tende a desquamare, arrossamenti. Per difendersi da questo piccolo disturbo bisogna innanzitutto consentire una maggiore traspirazione della pelle, per questo sarebbe meglio indossare indumenti di cotone e non troppo stretti per lasciare respirare la pelle. Non bisogna poi dimenticare l’utilizzo di ciabatte ogni qualvolta si fa una doccia in piscina o in palestra e asciugare bene ogni parte del corpo per evitare che rimangano zone umide in cui si possono sviluppare facilmente le micosi. I possono essere utilissimi in questi casi e sono disponibili sotto diverse forme farmaceutiche, come pomate o creme.

Per quanto riguarda invece il benessere delle nostre vene è evidente che il calore può essere dannoso, perché porta a vasodilatazione, cioè a un’ulteriore aumento del calibro dei . Questo potrebbe essere dannoso per chi presenta già vene gonfie e bluastre che, con le alte temperature, potrebbero associarsi a prurito e gonfiore, localizzato soprattutto alle caviglie. Sul fronte della prevenzione i farmaci di automedicazione possono risultare di grande aiuto: sono somministrabili sia localmente attraverso gel, creme o pomate, sia per bocca. Per il resto conviene evitare di rimanere per ore sdraiati al sole con le gambe scoperte e, se ci si trova al mare, è utile muoversi tra le onde con le gambe immerse almeno fino al ginocchio, per sfruttare il benefico “idromassaggio” della risacca.

News correlate

Anche in inverno, non dimentichiamo di prenderci cura della circolazione delle nostre gambe
News
Le basse temperature mettono a repentaglio la salute delle gambe. Tutta colpa però dell’eccessivo riscaldam...
Freddo e pelle, pericolo couperose
AntinfiammatoriNews
Comincia, quasi sempre sulle guance, tra gli zigomi e sul naso. La pelle diventa rossa e si nota soprattutto n...
Influenza stagionale: parola al Prof. Fabrizio Pregliasco
Parola all'esperto
Con l’avvicinarsi dell’autunno inizia anche la stagione influenzale, quest’anno con qualche incognita in...