Ciao, sono bollino!
24 Febbraio 2015

L’influenza? Non lascia e forse “raddoppia”!

Influenza? Non lascia, e forse raddoppia
Chi sperava che l’ondata influenzale che sta caratterizzando l’inverno 2014-2015 fosse ormai agli sgoccioli forse si dovrà ricredere. Quest’anno, oltre ad aver avuto un calo delle vaccinazioni che ha, quindi, fatto aumentare le persone potenzialmente esposte al virus, rischiamo anche di farci una “doppia” . O meglio. In teoria, anche se è altamente improbabile che ciò accada, il fatto che possa circolare un ceppo virale “nuovo” dopo quelli attesi potrebbe allungare la durata della stagione influenzale fino a metà marzo e oltre. Il tutto è legato alla possibile diffusione del virus “svizzero” (tecnicamente si chiama AH3N2), che per ora ha circolato soprattutto negli Usa e nel Nord Europa e, per fortuna, non sembra correlato con sintomi particolarmente gravi. In ogni caso, non possiamo certo abbassare la guardia. Occorre sempre, in caso di sintomi influenzali, rimanere al calduccio evitando sforzi fisici intensi, seguire una dieta leggera che non affatichi lo stomaco e bere molto. Poi, per contrastare, febbre, tosse e mal di testa ci si può affidare ai farmaci di automedicazione che possono essere assunti per qualche giorno. Considerando che la durata dell’influenza non supera la settimana, passato questo periodo ci si sente in forma, anche dopo aver affrontato la “svizzera”.