Ciao, sono bollino!

L’appetito vien mangiando, la sete va via bevendo

L’appetito vien mangiando, la sete va via bevendo
Tempo di lettura: 2 minuti

Non avevano proprio dubbi, i nostri nonni: se è vero che si può rimanere qualche ora a digiuno senza avere particolari problemi, sapevano perfettamente che il ha bisogno di liquidi con maggiore urgenza. Così hanno coniato questo originale proverbio che ci ricorda, soprattutto in questa stagione, l’importanza di una corretta idratazione. Il consiglio di bere regolarmente, anche se magari non abbiamo sete, è valido a tutte le età, ma è fondamentale per i bambini e gli anziani che tendono a dimenticare di portare il bicchiere alla bocca. Inoltre, è importante tenere presente quanto l’acqua sia necessaria all’ quando, magari per motivi di lavoro o per sport, ci si si trova a fare sforzi fisici importanti con perdite di sudore abbondanti. 

L’uomo è un animale omeotermo, cioè ha una temperatura corporea non troppo variabile che deve mantenersi nel range di pochi gradi centigradi, più o meno tra i 35 e i 42. Quando la temperatura esterna è sotto ai 36 gradi l’eliminazione del calore in eccesso avviene per irradiazione, cioè il fa passare calore attraverso la pelle. Ma quando si supera questa soglia, si mette in moto la produzione di sudore. E se manca l’acqua, e con essa i sali minerali, possono esserci rischi per la salute e il benessere

In una condizione di normalità, un adulto dovrebbe consumare almeno un litro e mezzo di acqua al giorno in forma liquida. Ovviamente la quantità varia a seconda di fattori come l’età (per un bambino è sufficiente bere circa un litro di acqua al giorno), la posizione geografica (chi vive in un posto caldo avrà necessità di integrare una maggiore quantità di acqua) e lo stile di vita (chi fa molto sport o un lavoro in cui perde liquidi deve bere di più). Non dimentichiamo che beviamo anche mangiando. Molti alimenti, come frutta e verdura, sono di per sé ricchi d’acqua e per questa ragione, e non solo, devono essere assunti regolarmente e quotidianamente. Anche la pelle, come tutti i tessuti epiteliali di rivestimento, deve essere mantenuta idratata in quanto, oltre a svolgere una funzione di assorbimento meccanico e fisico, funge da barriera di protezione dall’ambiente esterno. Oltre a idratarla va mantenuta pulita e integra: è bene, quindi, detergerla ma senza esagerare dal momento che una detersione eccessiva potrebbe eliminare la componente lipidica che la protegge. 

Ultima raccomandazione. Non dimentichiamo che, oltre a mantenerci in salute, l’acqua cura. Sotto forma di ghiaccio, svolge una funzione terapeutica efficace che, in caso di contusioni, traumi ed ematomi, aiuta a ridurre infiammazioni, dolore e gonfiore, grazie all’azione di vasocostrizione. Anche in caso di febbre o disturbi gastrointestinali, l’acqua è fondamentale. Quando si ha la febbre, sudiamo per abbassare la temperatura, ed è necessario reintegrare i liquidi persi. Stessa cosa in caso di diarrea e disturbi intestinali: l’acqua ci aiuta a reintegrare i liquidi e sali minerali persi. 

Tags