Ciao, sono bollino!

Per proteggere la pelle dei bambini, attenzione alle allergie in famiglia

Tempo di lettura: 5 minuti

La pulizia e una corretta sono fondamentali a tutte le età ma, specialmente per quanto riguarda i bambini, è bene prestare attenzione a non utilizzare saponi eccessivamente aggressivi, in particolare se in famiglia sono già presenti casi di allergia.

A dimostrare la correlazione tra la familiarità alle allergie e la possibilità che detergenti troppo aggressivi possano favorirne l’insorgenza nei bambini è una ricerca apparsa su e condotta da ricercatori dell’ su 11.000 bambini. Secondo lo studio l’eccesso di igiene potrebbe contribuire ad aumentare il rischio di eczemi cutanei e, più raramente, a far insorgere problemi respiratori. Lo studio è stato condotto su una vasta popolazione pediatrica, controllando il verificarsi di eventuali manifestazioni cutanee o respiratorie in varie fasce d’età, in particolare al sesto mese di età, ai due anni e mezzo e ai tre anni e mezzo. Per misurare il livello d’igiene è stato considerato il numero di volte in cui ai piccoli venivano lavate le mani o veniva fatto il bagno. Secondo i ricercatori, ogni incremento di 1 punto percentuale sul livello di igiene incrementerebbe del 4% il rischio di allergie. Nel caso dell’asma la ricerca ha dimostrato che il rischio si lega soprattutto all’utilizzo di alcuni prodotti utilizzati per la pulizia della casa; l’eczema, invece, sarebbe causato prevalentemente da un’eccessiva pulizia della pelle.

In questo caso oltre a limitare la frequenza dei lavaggi, un aiuto può arrivare dai farmaci di automedicazione che permettono di ridurre arrossamenti, bruciori e piccole screpolature dell’epidermide. L’obiettivo principale è certamente quello di ridurre il rischio che i più piccoli vadano incontro a una dermatite. L’eczema, o dermatite atopica, si manifesta infatti nei primi mesi di vita con la classica “crosta lattea”; successivamente compare sulle guance, in prossimità della bocca, e nelle zone coperte dal pannolino; superati i primi mesi del bambino, le sedi maggiormente interessate sono le mani, il viso e le pieghe dei gomiti e delle ginocchia. Nell’adulto, invece, la dermatite si concentra intorno alla bocca, sulle palpebre e sul dorso delle mani.

Per difendersi dalla dermatite atopica è innanzitutto necessario puntare sulla prevenzione: se i disturbi sono leggeri e prurito e infiammazione sono solo occasionali, i farmaci di automedicazione possono aiutare a limitarli, per esempio attraverso l’utilizzo di creme, pomate e unguenti che alleviano il prurito, principalmente a base di o di per uso topico, cioè applicati direttamente nelle aree in cui si manifestano le lesioni. Nelle forme più gravi, invece, la parola deve passare al medico.

News correlate

Che prurito se lo stress attacca la pelle …
Farmaci di automedicazioneNewsStress
La stagione è a rischio per la pelle. Ma il nemico non è solo il sole, dal quale bisogna sempre proteggersi ...
Problemi di stomaco? Impara a mangiare con calma
AlimentazioneFarmaci di automedicazioneNews
A volte la fretta a tavola facilita l’insorgenza di bruciori e acidità. Masticare con cura! Dovrebbe e...
Quando la pelle reagisce al nichel!
Farmaci di automedicazioneNews
E’ una delle forme allergiche più diffuse. Comporta prurito, arrossamenti, formazione di crosticine fastidi...