Ciao, sono bollino!

Se respiri bene, ragioni meglio!

Tempo di lettura: 4 minuti
se-respiri-bene-ragioni-meglio
Vi siete mai resi conto che quando avete il naso chiuso unito ad altri piccoli fastidi respiratori avete la sensazione che anche le vostre capacità cognitive tendano a calare? Se vi è capitato, sappiate che non siete particolarmente strani.

Un forte può provocare un senso di ottundimento, influisce sulla nostra capacità di concentrazione e può darci  la sgradevole sensazione di “sentirci in una bolla”.  Ma c’è di più. Trovarsi nelle condizioni di non riuscire a respirare a pieni polmoni per un periodo prolungato può davvero condizionare le attività cerebrali.

A dirlo è una ricerca condotta presso il prestigioso Trinity College di Dublino, che punta l’attenzione su un adeguato controllo della , anche attraverso la . Stando allo studio, ci sarebbe infatti un legame tra il nostro modo di respirare e le capacità intellettive.
Tutto sarebbe legato all’attività di una particolare area del sistema nervoso, chiamato locus coeruleus, che ha il compito di regolare la produzione di noradrenalina, uno degli ormoni dello stress. Quando i livelli di noradrenalina sono elevati, infatti, la tensione emotiva attacca l’intero organismo e quindi ci mette a dura prova.

Il locus coeruleus, inoltre, contiene neuroni particolarmente sensibile ai valori di anidride carbonica. Quanto più respiriamo aria ricca di anidride carbonica, tanto più il locus coeruleus si attiva, e così persone particolarmente predisposte, possono andare incontro a momenti di stress capaci addirittura di sfociare in un attacco di panico vero e proprio.
Secondo questo meccanismo, almeno secondo quanto ci dice la ricerca  del Trinity College, quando siamo raffreddati o respiriamo male il cervello viene poco ossigenato con conseguenze sulla nostra capacità di attenzione che, secondo la ricerca è influenzata dal nostro respiro e cresce o cala con il ciclo della respirazione.

Dalla ricerca si può quindi trarre un importante suggerimento: se respiriamo bene, possiamo migliorare non solo il nostro benessere, ma anche le capacità intellettive. In questo, ci possono aiutare le tecniche di respirazione e la meditazione. Se poi il naso si chiude per colpa del raffreddore, abbiate pazienza qualche giorno e caso mai valutate di ricorrere alle opportune contromisure terapeutiche affinché il raffreddore non vi renda difficile sbrigare le incombenze quotidiane di giorno e riposare di notte.

News correlate

Il sonno perso non si recupera davvero la domenica….
Farmaci di automedicazioneNews
Per chi durante la settimana fa di abitudine le ore piccole, per motivi di lavoro o di svago, è soggetto ad u...
A casa, camminate scalzi!
News
Soffrite spesso di gonfiore alle gambe? I farmaci di automedicazione, assunti in forma topica come creme ungue...
Condizionatori sì, ma senza esagerare!
News
Per far fronte alla canicola, i condizionatori possono sicuramente darci un po’ di sollievo ma non conviene ...