Ciao, sono bollino!

Tra fobia e morsi, difendiamoci dai ragni!

Tempo di lettura: 6 minuti
Tra fobia e morsi difendiamoci dai ragni
Videogiochi per scacciare la paura e farmaci di automedicazione per limitare i danni dei morsi. E’ una sorta di “doppia” strategia, da un lato psicologica e dall’altro fisica, quelle che può aiutarci a convivere con i , così frequenti in queste giornate estive, specie se si scelgono le gite in montagna e in campagna o ci si avventura in bivacchi in tenda. Certamente ciò che può infastidire chiunque – a prescindere dalla paura verso questi insetti  – sono  i loro morsi. Quasi sempre l’esito dei loro “attacchi” è rappresentato da piccoli ponfi arrossati apparentemente inspiegabili. Non c’è da preoccuparsi troppo. In Italia esistono solo poche specie di velenosi e il loro morso non è molto frequente: è il caso ad esempio del violino, della tarantola, del dal sacco giallo o della malmignatta. Un incontro ravvicinato di questo tipo è però raro e qualora dovesse avvenire, sempre cercare immediata assistenza sanitaria. Molto più probabile comunque, nelle vacanze in tenda e nelle baite di montagna è trovarsi a fare i conti, soprattutto di notte, con gli effetti della visita di domestici o simili, innocui ma in grado di creare piccoli fastidi cutanei, soprattutto nei bambini. I segni e i sintomi sono molto precisi: l’area in cui è avvenuto il morso si presenta arrossata e più o meno gonfia. Oltre ad applicare un cubetto di ghiaccio o del cotone imbevuto di acqua fredda, si può fare affidamento sui farmaci di automedicazione, ad azione antistaminica e antipruriginosa che possono essere applicati localmente o essere assunti per via generale quando al “segno” si associa un forte . In genere dopo pochissimo tempo, grazie a questi semplici rimedi la situazione torna alla normalità e la vince il prurito e l’ determinata dallo sostanze nocive. Attenzione però: se si forma una macchia violacea o la ferita non si rimargina è meglio parlarne con il medico, per pensare a trattamenti mirati. Se sul fronte del fisico il contatto ravvicinato con questi animali è quindi gestibile, anche se andrebbe sempre evitato, per chi soffre di ovvero teme in modo quasi “patologico” la sola vista dei , la situazione appare più complessa. E magari potrebbe aiutarci anche un videogioco. L’originale terapia a base di videogames per vincere le paure più irrazionali, come la comunissima claustrofobia e la più rara, aracnofobia, potrebbe essere una soluzione efficace per i fobici. Almeno così la pensano i ricercatori dell’Università del Quebec in Canada, che hanno voluto provare quanto videogiochi appositamente studiati possano favorire la guarigione dei più “paurosi”. Il principio di base del lavoro degli studiosi è semplice: occorre creare un ambiente virtuale, come appunto può essere quello costruito sullo schermo di un personal computer, in grado di indurre stimoli mirati sul fobico che, quindi, impara a confrontarsi con situazioni ostili, e piano piano riesce a farsi una ragione delle proprie ansie e quindi a gestirle. I ricercatori canadesi hanno voluto condurre un’indagine clinica su tredici aracno-fobici e tredici soggetti normali comparando gli effetti dell’utilizzo di videogames studiati ad hoc, come Half Life che riesce a far viaggiare in una realtà virtuale carica di . Gli effetti dell’originale trattamento sono stati registrati attraverso speciali scale psicologiche in grado di spiegare le diverse risposte ottenute, e i risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista “”. La ricerca ha infatti dimostrato l’efficacia dei giochi virtuali per insegnare al cervello a gestire meglio le paure derivanti da fobie come il timore dei

News correlate

Non fatevi mancare la vitamina C
AntinfiammatoriNews
Ricordate il grande navigatore James Cook? Riuscì a superare  il Circolo Polare Artico e l’Antartico e si ...
Al mare (e non solo) proteggete gli occhi!
News
“Mettete un cappello che protegga gli occhi”. Così recita la saggezza della cultura popolare quando, sopr...
Niente ascensore, faccio le scale
News
L’attività fisica, anche la più semplice, aiuta a invecchiare meglio. Muoversi fa bene, e a tutte le età....