Ciao, sono bollino!

A Pasqua occhio allo stomaco!

Tempo di lettura: 4 minuti

Ognuno ha la sua tradizione e ognuno, vale la pena di ricordarlo, ha anche le proprie abitudini alimentari. Se nel menù di è vero che possono entrare diverse ricette, dall’agnello fino al pesce, passando ai primi di pasta, conditi con sughi più o meno elaborati, è altrettanto vero che quando questi piatti entrano nell’organismo mettono lo e l’intero sotto stress. Questo capita soprattutto se si eccede con i , che hanno un tempo di digestione più lungo e, più in generale, quando si esagera con gli alimenti introdotti nell’organismo. Così, se il pranzo di Pasqua si trasforma in una grande abbuffata, lo stomaco può rispondere con un rallentamento della digestione, oppure con un incremento dell’, specie se si è soliti fare uso di alcolici e sigarette a fine pasto, o ancora con nausea e dolore.

E’ possibile che si presentino dei disturbi in seguito a un rallentamento dello svuotamento gastrico e a una digestione prolungata (quando ovviamente predomina la ) con nausea, e tensione addominale. Un dolore vero e proprio, localizzato nella parte superiore dell’addome, può invece essere il segnale principale di una acuta, mentre l’eccesso di acidità si può combinare anche con un senso di gonfiore a distanza dai pasti, soprattutto la notte.

Cosa fare quindi per contrastare la dispepsia e il classico dolore che interessa la parte alta dell’addome? Esistono i che possono darci sollievo. Ciò che conta è scegliere sempre il tipo di approccio terapeutico in base al disturbo: l’acidità gastrica può essere agevolmente neutralizzata con i farmaci antiacidi, che tamponano l’acidità, o ridotta all’origine con medicinali che invece agiscono direttamente sulla secrezione di (farmaci anti-H2 o inibitori della ).

Quando invece il dolore si manifesta con cattiva digestione e nausea, si possono impiegare altri farmaci di automedicazione, come quelli che aumentano la motilità della muscolatura gastro-intestinale, accelerando i tempi di transito e favorendo lo svuotamento dello stomaco. Per evitare l’insorgenza di questi fastidiosi disturbi, il consiglio rimane quello di cercate di mangiare con moderazione, evitando le abbuffate in modo da vivere la Pasqua in totale benessere e relax!

News correlate

Per gli sportivi, attenti agli all’eccesso di sforzo … e al cibo!
News
Prima di tutto, attenzione ai piccoli traumi. E’ questo il consiglio che si deve fornire a chi, anche quando...
Che pancia gonfia dopo il gelato!
Farmaci di automedicazioneNews
Rinunciare al gelato in estate è impresa impossibile: multicolore, cremoso e ricco di proteine e zuccheri al ...
Fumo di sigaretta e smog fanno rima con tosse
News
Ippocrate chiamava la tosse “la voce del polmone”. Se vivesse oggi, probabilmente direbbe che questa voce ...