Ciao, sono bollino!

Alito cattivo, si può provare con una tisana

Tempo di lettura: 4 minuti
Alito cattivo Prova una tisana
La di un tempo metteva a bollire un pentolino d’acqua e poco dopo andava in dispensa. Dalle sue sapienti mani spuntavano ciuffi di erbe aromatiche come salvia o rosmarino. Il gusto della bevanda calda forse non era dei migliori anzi, spesso poteva avere un sapore amarognolo ma riusciva nel suo scopo: se qualcuno soffriva di alito cattivo, quello che oggi scientificamente viene definito alitosi, l’aria espirata dalla bocca assumeva un aroma più piacevole. Oggi la parte di quelle sane, vecchie ricette contadine è fatta dai farmaci di automedicazione che possono agire sui meccanismi che provocano l’alitosi. Il fenomeno può avere origini diverse e va combattuto con i medicinali appropriati anche in base alle condizioni di salute. L’alitosi può, infatti, dipendere da un’infiammazione delle vie aeree superiori e quindi va affrontata con un antinfiammatorio, può trarre la sua origine da problemi legati ad eccessi alimentari che hanno in qualche modo affaticato lo stomaco (e allora bisogna pensare a combattere acidità e digestione lenta), può essere legata ad una non perfetta condizione igienica del cavo orale, con conseguenti finalizzati in prima battuta alla pulizia e alla disinfezione della bocca, con l’utilizzo, in caso di infiammazione, di medicinali ad azione antisettica. Ad ogni modo, i delle nostre nonne che si affidavano a tisane di erbe facilitavano, grazie all’acqua, la pulizia della bocca e la salivazione. Proprio la saliva svolge, infatti, una naturale azione di pulizia del cavo orale. Un cosa da non fare in caso di alito cattivo è, invece, digiunare nella speranza che l’alitosi si risolva. Occorre mantenere il ritmo dei pasti ed evitare solo gli alimenti potenzialmente “temibili” per l’alito come l’aglio e la cipolla. Importante è, infine, masticare bene perché grazie a questo processo si eliminano le cellule morte dalla bocca le quali possono contribuire a peggiorare la situazione. Ricordate poi che una corretta igiene orale è fondamentale. Lavare i dopo i pasti, usare il filo interdentale, spazzolare delicatamente anche la sono corrette abitudini che aiutano a mantenere una bocca sana.

News correlate

Se le gengive si gonfiano, provate col sale
Farmaci di automedicazioneRimedi della nonna
Mettete un pizzico di sale sullo spazzolino, dopo aver rispettato la giusta igiene orale con il dentifricio e ...
Mal di pancia, occhio ai cibi fodmap
Rimedi della nonna
Dolori, contrazioni e crampi addominali, gonfiore e meteorismo. Quando si presentavano questi disturbi, spesso...
Quali segreti per una conserva “sana”?
Rimedi della nonna
I rischi con le conserve fatte in casa, si sa, sono dietro l’angolo. Nelle marmellate o nei vegetali che si ...