Ciao, sono bollino!

Allergia e inquinamento vanno a braccetto

Tempo di lettura: 3 minuti
Allergia e inquinamento vanno a braccetto
Che l’ atmosferico sia una dei più importanti fattori esterni che influenzano la salute delle è un dato di fatto. Quello che spesso dimentichiamo è che per chi soffre di forme di leggera, che si manifestano con naso chiuso, starnuti a ripetizione, , il binomio tra reazione allergica e aria inquinata può creare un cocktail difficile da sopportare.
L’inalazione di sostanze irritanti in alte concentrazioni non fa altro che aumentare la reazione di risposta alterata dall’allergia e quindi peggiora i sintomi. Addirittura una ricerca, condotta su persone con asma e quindi trattate dal medico, dimostra che l’impiego dei medicinali che allargano i bronchi consentendo una miglior respirazione appare direttamente collegato all’inquinamento stesso.Allergici Occhio ai temporali 
Come se non bastasse, poi, una delle conseguenze dell’inquinamento è l’incremento della presenza di pollini nell’atmosfera, collegato ad un aumento generalizzato delle temperature  generato proprio dall’inquinamento, il principale responsabile del progressivo riscaldamento dell’atmosfera. Di conseguenza, si assiste a un aumento dei pollini nell’aria e della durata delle stagioni polliniche. Insomma: pur se i farmaci di automedicazione possono aiutarci a combattere i piccoli disturbi dell’allergia, bisogna prestare particolare attenzione all’aria inquinata.
Questa attenzione non va dimenticata neppure negli ambienti chiusi: acari della polvere, forfora di animali e muffe possono scatenare i fastidi.

News correlate

Ma quanti sono i virus del raffreddore?
AntinfiammatoriNews
Finalmente è passato: viene da dirlo quando, dopo qualche giorno di naso chiuso, starnuti a ripetizione, occh...
Arriva la tosse, voce delle vie respiratorie
Farmaci di automedicazioneNews
Ippocrate lo diceva. Anche le vie respiratorie parlano, e lo fanno dandoci fastidio. Come? Con la tosse. ...
Sbalzi termici, virus all’attacco
News
Che aprile stia riprendendo le abitudini di marzo, diventando un mese “pazzerello”, lo dimostrano ...