Ciao, sono bollino!

Cambiano i batteri sulla pelle e arriva l’acne

Tempo di lettura: 3 minuti
acne

L’? E’ tutta una questione di “abitanti” della nostra pelle. E’ vero che anche gli ormoni contano, ma la popolazione dei che stazionano sull’epidermide potrebbe davvero giocare un ruolo chiave nello sviluppo dei . Lo dice una ricerca condotta all’Università della California a Los Angeles, presentata al congresso della Microbiology Society tenutosi ad Edinburgo. La ricerca ha analizzato il Dna dei follicoli della pelle di 38 persone con acne, confrontandolo con quello presente in 34 persone che non avevano questo problema cutaneo. Lo studio dimostra chiaramente come la composizione dei batteri presenti nelle lesioni condizioni lo sviluppo della patologia e come la popolazione di , normalmente presenti sulla , sia diversa nelle persone che non presentano punti neri o pustole. Questo dato deve far riflettere ed invitarci ad avere grande attenzione per la salute della pelle, che risente anche di cattive abitudini come l’impiego di detergenti non adeguati alle caratteristiche della nostra pelle che possono influire sul Ph e sulla composizione della popolazione batterica dell’epidermide. Per il resto, i farmaci di automedicazione possono essere d’aiuto per la detersione e il  contrasto i segni della malattia cutanea, ricordando sempre che nelle forme più serie e quando i segni non scompaiono in breve tempo la parola deve passare al dermatologo.
Basse temperature, attenti alla pelle

News correlate

Per combattere i grassi, puntate sulla cannella
News
Non esagerate con i grassi nella dieta. Fate attenzione a non abusare di alimenti particolarmente ricchi di in...
Emorroidi: cosa fare con quel fastidio “nascosto”
News
Soffrite di vene “deboli”? Fate attenzione alle emorroidi, ovvero il rigonfiamento anomalo delle vene emor...
Fumo di sigaretta e smog fanno rima con tosse
News
Ippocrate chiamava la tosse “la voce del polmone”. Se vivesse oggi, probabilmente direbbe che questa voce ...