Ciao, sono bollino!

Benessere assicurato con il pinzimonio

Tempo di lettura: 3 minuti

Il pinzimonio è uno dei piatti più gettonati d’estate: è sufficiente infatti verdura di stagione, ben matura, che dopo essere stata lavata viene consumata a crudo, accompagnata da un filo d’olio e da un pizzico di sale; un piatto semplicissimo, veloce e fresco. Anche la scienza sembra aver recentemente riscoperto il valore del pinzimonio, soprattutto per chi presenta problemi legati alla digestione lenta. Mangiare verdure crude, accompagnate da olio extravergine d’oliva, significa infatti fornire all’organismo una serie di composti utili che possono davvero aiutare a mantenere uno stato di benessere, anche intestinale. I vegetali sono ricchi di fibre, utili per il buon funzionamento dell’intestino, e hanno proprietà che, grazie alle vitamine, contribuiscono a proteggere le cellule. Inoltre, molto importanti sono anche gli effetti sul cuore e sulle arterie: la combinazione tra gli insaturi dell’olio d’oliva e i vegetali ricchi di e può infatti contribuire a ridurre la .

A confermarlo è una ricerca condotta al King’s College di Londra, pubblicata sulla rivista PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences), l’organo ufficiale dell’. Secondo gli studiosi, infatti, la combinazione di questi alimenti porterebbe alla produzione di acidi grassi in grado di agire su un enzima che regola la pressione arteriosa. Consumando insieme olio d’oliva e alimenti come pesce o noci, oltre a verdure come lattuga, spinaci o carote, si produrrebbe una reazione chimica all’interno dell’organismo dagli effetti positivi e benefici sulla pressione arteriosa.

News correlate

Ahi, Ahi, quando il dolore al collo fa venire il mal di testa
Dolore
Si può manifestare spesso con stati di tensione sotto la nuca, a volte associato a nausea e lacrimazione. Int...
Orecchie chiuse? Attenzione al volume!
News
Come ogni anno inizia l’autunno e inizia, in concomitanza, la stagione delle prime influenze: infreddature, ...
Aiuto, arriva la sesta malattia!
News
Colpisce i più piccoli, soprattutto nel periodo in cui frequentano gli asili nido. Compare dopo i 3-6 mesi d&...