Ciao, sono bollino!

Chi russa rischia la salute dei denti

Tempo di lettura: 4 minuti
Chi russa rischia la salute dei denti

L’igiene orale è fondamentale per la salute e, in caso di piccoli disturbi alla bocca, i farmaci di automedicazione rappresentano un caposaldo per mantenerla. Disponibili in diverse formulazioni, infatti, possono avere diversi effetti positivi sui denti e sulle con un’azione antisettica e analgesica. In questo modo si possono combattere sintomi fastidiosi, a partire dalle per arrivare fino alle , oltre ovviamente al classico mal di denti che, se deve essere sempre trattato dallo specialista che ne indaga le cause, può essere contrastato, in prima battuta, con farmaci ad azione antinfiammatoria e antidolorifica. Ma quello che forse dimentichiamo è che ci sono condizioni che possono favorire la comparsa di problemi ai denti, primo tra tutti le carie. Volete un esempio? Chi russa o comunque respira a bocca aperta potrebbe aumentare i rischi di problemi ai denti. A ribadirlo sono gli esperti dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa (Aic), che segnalano come il rischio sia consistente soprattutto in chi soffre della cosiddetta sindrome delle apnee ostruttive notturne. Come mai? Ecco una sintetica spiegazione.

L’organismo è strutturato in modo che la respirazione avvenga dal naso. Quando non succede nell’ambiente del si crea uno squilibrio in termini di “acidità” ambientale. Di conseguenza, il fisiologico pH della bocca cala ed aumenta l’acidità e questa condizione favorisce l’erosione e l’indebolimento dello smalto, anticamera dello sviluppo della carie.

Respirare a bocca aperta, come quando si russa, “asciuga” il cavo orale e il continuo passaggio di aria all’interno della bocca secca le mucose facendo evaporare il sottile strato protettivo di saliva che favorisce la rimineralizzazione dello smalto.

La saliva ha anche il compito di contrastare i batteri che producono gli acidi: la secchezza orale quindi contribuisce a far salire i livelli di acidità e parallelamente altera la flora batterica orale, favorendo, oltre alle carie anche la comparsa di irritazioni, stomatiti, afte e infiammazioni gengivali e primo poi renderanno d’obbligo la visita dal dentista.

Quindi, se è fondamentale, in via preventiva, non trascurare la cura della propria bocca con la quotidiana igiene orale e controlli periodi, se russate e non lo fate solo occasionalmente, forse avete una ragione in più per confrontarvi con il vostro medico di fiducia per capire come affrontare il problema.

News correlate

Che mal di testa, la mattina!
Farmaci di automedicazioneNews
Comincia la mattina, quando ci si sveglia. E’ il classico cerchio alla testa, con un dolore non fortissimo m...
Per gli sportivi, attenti agli all’eccesso di sforzo … e al cibo!
News
Prima di tutto, attenzione ai piccoli traumi. E’ questo il consiglio che si deve fornire a chi, anche quando...
Quando uno starnuto diventa un’arma potente per diffondere i virus
News
Sembra impossibile, ma esistono persone che, più di altre, non appena si trovano a fare i conti con un banale...