Ciao, sono bollino!

Con lacrime e lamenti non si cura il mal di denti

Con lacrime e lamenti non si cura il mal di denti
Tempo di lettura: 2 minuti

Non “dormiamoci” sopra. È questo il richiamo che viene dal vecchio proverbio popolare che ci ricorda come il mal di denti, oltre ad essere estremamente fastidioso, va preso rapidamente “per le corna” con il controllo dello specialista. È vero che parlare di mal di denti, può essere molto generico,  ma, in generale, le cause più frequenti del dolore sono due: la carie e la parodontite, ovvero l’infiammazione del tessuto che circonda il dente.

La carie è un processo distruttivo che attacca i tessuti dei denti ed è direttamente correlata all’azione della placca batterica, oltre che ad un’alimentazione molto ricca di zuccheri e alla predisposizione di ogni persona. In genere, si manifesta dapprima una maggior sensibilità del dente alla temperatura molto bassa o molto alta dei cibi, così come alle sostanze acide o zuccherine. Il dolore in genere compare più avanti, quando si manifesta la pulpite, ovvero l’infiammazione della polpa dentaria che contiene tessuto nervoso e delle strutture che la circondano.

La parodontite, invece, interessa il tessuto che sta intorno ai denti, comprese le gengive. In questi casi il dolore si manifesta insieme ad arrossamento e a gonfiore delle gengive, che sono sede di un processo infiammatorio. Il dolore si può anche estendere alle aree vicine a quelle direttamente toccate dal processo stesso. La cura dei problemi ai denti deve essere effettuata esclusivamente dal dentista, che ha la possibilità di comprendere le reali cause del dolore e le modalità più efficaci per affrontarlo.

Certo è che, in attesa di una visita dello specialista, i farmaci di automedicazione possono risultare molto utili per controllare i disturbi. Quando è presente mal di denti si può ricorrere a diversi tipi di medicinali. Gli anestetici locali, sotto forma di pomate o soluzioni applicati direttamente in loco, in prossimità della zona colpita dal fenomeno patologico, possono smorzare la sensazione dolorosa. Per gestire l’infiammazione e lenire il dolore, si possono anche impiegare farmaci ad azione antinfiammatoria. Gli antisettici e i disinfettanti orali, così come antinfiammatori in forma di collutori, spray, gel dentali e pastiglie da sciogliere possono essere utili per trattare le parodontiti.

E poi, non dimenticate la regola d’ora preservare la salute della bocca: occorre prestare attenzione all’igiene dentale e a fare i controlli regolari dal dentista. Solo controllando ciclicamente lo stato di salute dei denti, e identificando eventuali carie in formazione si possono evitare quei fenomeni infiammatori che, nella maggior parte dei casi, sono alla base del dolore. 

Tags