Ciao, sono bollino!

Giù dal letto la mattina

di lettura: 2 minuti
Giu dal letto la mattina
Un tempo, la giornata, soprattutto in campagna, iniziava sempre molto presto. Il ritmo era definito dal , che in questo periodo compare presto nel cielo. La sera, poi, si andava a letto presto. I nostri nonni, e soprattutto quelli prima di loro, vivevano molto di più in sintonia con la luce del sole nel rispetto dei tempi della . E, al netto di ritmi di vita forse più tranquilli, questo li aiutava a fare di meno i conti con un , stress e disturbi del .
Ora la scienza ci conferma che  le abitudini di una volta erano un toccasana per il . Secondo diversi studi tra cui una ricerca condotta su quasi mezzo milione di persone dall’Università del Surrey e dall’Università  Northwestern di Chicago, chi vive a lungo la notte andando a tardi corre maggiori rischi di ammalarsi e di avere problemi  per patologie molto diffuse come per esempio quelle del sistema cardiovascolare. Ed allora, per una volta, sfruttiamo la bella stagione per dare una regolata ai ritmi dell’. Grazie a questa semplice strategia, forse, contribuiremo a migliorare il nostro benessere. Come facevano i nostri nonni.