Ciao, sono bollino!
4 Gennaio 2019

I virus prediligono l’autobus e il treno

I virus prediligono autobus e treno
Tosse, mal di gola, qualche linea di febbre, spossatezza. Per chi si trova ad affrontare l’influenza o i tanti che possono in qualche modo attaccare le vie respiratorie in questo periodo, a volte viene da chiedersi “ma dove l’avrò presa?”. Se vi state facendo questa domanda, ripercorrete all’indietro le vostre giornate, ricordando che il tempo di incubazione di un’infezione virale è sempre di qualche giorno. E riflettete su un fatto: vi è capitato di salire su un mezzo pubblico?
Se la risposta è positiva, pensate che l’autobus, il tram, la metropolitana sono i punti in cui più facilmente un virus si replica e si trasmette. Lo dice l’esperienza del senso comune e lo conferma la scienza, attraverso una ricerca  dell’Università di Bristol apparsa su Environmental Health. Lo studio ha preso in esame, parlando, ovviamente, di trasmissione delle infezioni virali, quanto avviene nella metropolitana di . I contagi risultano più elevati nelle zone in cui c’è necessità di trasferirsi da un vagone all’altro perché occorre cambiare linea. Un esempio? Chi vive ad Islington, nella parte nord della capitale inglese, deve cambiare spesso il treno per giungere alla meta ed ha un tasso di infezioni respiratorie quasi triplicato rispetto a chi, invece, raggiunge il centro città con un solo viaggio. Insomma, attenti ai mezzi pubblici.
E non dimenticate che in caso di influenza non bisogna fare gli eroi, diventando potenziali “untori”. Meglio restare a casa e, per attenuare la sintomatologia – dalla febbre, al raffreddore, dalla tosse al mal di gola – impiegare i farmaci di automedicazione che, insieme al riposo e ad una alimentazione leggera , ci aiutano vincere i virus e a tornare in forma. Soprattutto, ricordate di non utilizzare, anche se ce li avete in casa e li avete utilizzati in passato, gli . In caso di influenza e sindromi da raffreddamento, determinate da virus, non sono efficaci e deve essere solo il medico a prescriverli in caso valuti, se la situazione non migliora o peggiora dopo qualche giorno, ad esempio la comparsa di una sovra infezione di natura batterica.

News correlate

Attenzione all’allergia di Natale
9/12/2015
News
Anche l’albero potrebbe nascondere spore che, col tempo, scatenano la rinite allergica. Per chi è alle...
FINALMENTE ESTATE: un viaggio di consigli per delle vacanze a tutta salute
22/06/2017
News
L’estate, annunciata già dalla chiusura delle scuole e dall’aumento delle temperature, è ufficialmente i...
Per trasmettere il virus “basta la parola”
2/03/2018
Farmaci di automedicazioneNews
“Basta la parola”, ripeteva una pubblicità di qualche decennio orsono, quando ancora esisteva Carosello. ...