Ciao, sono bollino!

Ciuccio sì, ma senza zuccheri!

Tempo di lettura: 3 minuti
Ciuccio si ma senza zuccheri
La salute dei denti è importante e va curata sin dalla più tenera età e ci vuole accortezza anche quando i dentini non ci sono ancora o magari stanno spuntando dalle gengive. In tal senso, un buon consiglio può essere quello di impiegare tutti gli strumenti per l’igiene orale dedicati ai più piccoli. Ma c’è soprattutto un elemento da considerare per salvaguardare il sorriso del bimbo nel tempo e questo elemento chiama ciuccio. Ci sono mamme che puntano ad eliminarlo il prima possibile e altre che, invece, lo ritengono utilissimo e lo usano per molto tempo. Le nostre nonne, con una conoscenza di puericultura che veniva dall’esperienza, dicevano che il bambino è in grado di decidere da solo se vuole o meno il ciuccio e probabilmente, a sentire i consigli dei moderni pediatri, avevano ragione loro. Converrebbe, infatti, che sia il piccolo a scegliere di rifiutare il ciuccio  perché, altrimenti, si rischia di ottenere un effetto contrario di “attaccamento”. Tuttavia, poiché i bambini utilizzano il ciuccio soprattutto quando sono stanchi o in difficoltà e lo cercano prima del sonnellino, non permettete che il ciuccio diventi un amico troppo dolce per potersene separare. In tal senso, diversamente a come tendevano a fare molte delle nostre nonne, va evitato di mettere zucchero o miele sul ciuccio. Per quanto,  infatti, gli zuccheri possano dare un breve momento di piacere o consolazione, certamente non aiutano a prendere sonno, abituano ad un gusto dolce e favoriscono la comparsa di nei dentini da latte, che invece, vanno protetti.