Ciao, sono bollino!

La solidarietà vince: un aiuto per la salute di chi ha bisogno

Tempo di lettura: 3 minuti
La solidarietà vince: un aiuto per la salute di chi ha bisogno

Oltre 400.000 persone. Più degli abitanti di Bologna o di Firenze. Sono davvero molte le persone che potranno essere aiutate nel risolvere con efficacia i loro piccoli problemi di salute, grazie ai 360.000 farmaci di automedicazione donati in occasione della XV Giornata di del Farmaco tenutasi lo scorso 14 febbraio. I medicinali donati in tutta Italia saranno destinati alle persone in stato di povertà quotidianamente assistite dai 1.638 enti caritatevoli convenzionati con la Fondazione Onlus.

Nonostante la crisi, insomma, gli italiani si confermano ancora una volta campioni di solidarietà.

L’iniziativa è stata realizzata dalla stessa Fondazione Banco Farmaceutico Onlus in collaborazione con Fe­derfarma e CDO Opere Sociali in 3.673 farmacie in 97 province e in più di 1.200 comuni italiani e nella Repubblica di San Marino. Oltre 14.000 volontari, gente comune o persone appartenenti ad Associazioni e Movimenti hanno do­nato il loro tempo e la loro disponibilità per un grande gesto di gratuità dando concreta testimonianza di “carità in opera”.  La Giornata di Raccolta del Farmaco è stata sostenuta, tra gli altri, dalla Presidenza della Repubblica, che ha concesso il suo Alto Patronato, AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), ASSOSALUTE (Associazione Na­zionale delle Industrie Farmaceutiche dell’), FOFI (Federazione Ordini Farmacisti Italiani), Segretariato Sociale RAI e Pubblicità Progresso.

News correlate

La solidarietà si esprime donando un farmaco
News
Domani, 14 febbraio, giorno dedicato a San Valentino, entriamo in farmacia. L’obiettivo è acquistare una o ...
Bastano anche poche sigarette per creare danni alla salute
News
“Ma che vuoi che sia… accendo una sigaretta ogni tanto, quando sono in compagnia”… Quante volte abbiam...
Non coprite troppo il neonato!
Meteo saluteNews
Se le temperature cominciano ad abbassarsi per la comparsa di qualche pioggia o alla sera, non dimenticate che...