Ciao, sono bollino!

L’importanza di conservare bene il cibo

Tempo di lettura: 2 minuti

Tra le vecchie foto delle nonne spesso è possibile trovarne qualcuna che le ritrae con una ciotola in mano, contenente acqua fresca e un panetto di burro. Quello era infatti il metodo più comune per diminuire il rischio di contaminazione batterica, specialmente durante la stagione estiva.

I moderni frigoriferi, così come le ciotole con l’acqua fresca delle nonne, sono capaci di mantenere sotto controllo la crescita dei germi ma non di distruggerli. È importante sapere che, una volta fuori dal frigorifero, i cibi subiscono un aumento esponenziale della carica batterica entro pochi minuti e pertanto, se conservati in maniera non opportuna, si può incorrere in disturbi dell’apparato digerente: l’esempio classico è dato dalla salmonellosi, che può portare a gravi forme di diarrea associata a mal di pancia e febbre.

I possono aiutarci a superare i piccoli disturbi, ma la prevenzione e la corretta conservazione dei cibi è fondamentale per non correre rischi, come avevano già capito le nostre nonne!