Ciao, sono bollino!

Mangia, prima di andare a scuola!

Tempo di lettura: 3 minuti

Un tempo, c’era forse più tempo, la mattina, per stare in famiglia. Ci si svegliava prima e si cercava sempre di stare insieme per qualche minuto, davanti al caffè e al latte, con pane burro e marmellata pronti ad essere consumati. E le nostre nonne non facevano fatica a convincere i nipoti, sia bambini che adolescenti, a consumare il primo pasto della giornata. In quel modo, ci spiega oggi la scienza, si interrompe il digiuno notturno e si aiuta l’organismo a svegliarsi. Eppure oggi ci sono tanti giovani che saltano la colazione, importante appuntamento alimentare, rischiando di trovarsi senza “benzina” a metà mattinata, quando gli impegni scolastici si fanno più pressanti.

La scienza ribadisce ancora una volta l’importanza della prima colazione anche sotto l’aspetto del rendimento scolastico. A lanciare il sasso nello stagno, dando pienamente ragione alle nostre nonne, è una ricerca dell’Università di Leeds apparsa sulla rivista Frontiers in Public Health, che ha preso in esame quasi 300 giovani adolescenti inglesi da poco diplomati dopo la fine della scuola dell’obbligo. Ebbene, confrontando, attraverso un questionario sulle abitudini alimentari, il rendimento tra i banchi gli scienziati hanno rilevato che chi saltava la colazione al mattino aveva avuto rendimenti nettamente peggiori all’esame. Insomma: scegliete quello che più vi piace, ma non saltate la colazione. é fondamentale per la salute del corpo e della mente.