Ciao, sono bollino!

Catarro da reflusso? Seguiamo una giusta alimentazione

Tempo di lettura: 3 minuti

Virus di stagione. Aria condizionata a temperatura eccessivamente bassa. Fumo di sigaretta. Ambiente inquinato. Reflusso gastro-esofageo. Questo è solo un breve elenco dei tanti agenti che possono portare alla produzione di una quantità eccessiva di muco da parte della mucosa, così come sono tanti i fastidi che può comportare, dal bruciore in gola fino alla voce roca e alla tosse.

Grazie ai farmaci di automedicazione possiamo combattere con efficacia il disturbo, che porta a respirare con più fatica e a volte, anche con sonori colpi di tosse improvvisi ci fa svegliare la notte, fino a quando il catarro non viene eliminato. Ma anche una giusta alimentazione può essere d’aiuto, soprattutto quando il muco in eccesso è figlio dell’acidità di stomaco che risale fino alle vie respiratorie,  infiammando i bronchi. Gli esperti segnalano come sia importante scegliere una dieta che comprenda molti vegetali.

Oltre alle classiche verdure, tra i frutti sarebbero particolarmente indicati mele, banane e pere. Per il resto ciò che conta è consumare alimenti cucinati senza un eccessivo carico di grassi, che oltre a rallentare la digestione possono facilitare l’eccessiva produzione di acido da parte dello stomaco. In questo modo anche la tosse che spesso si presenta in queste situazioni può essere contrastata con successo.

Tags