Ciao, sono bollino!

Se il neonato vola in aereo…

Tempo di lettura: 3 minuti
se il neonato vola in aereo
Attenzione al . Per i piccoli compensare è più difficile

Tutti sanno che esiste una sorta di “mal d’orecchio” che interessa chi viaggia soprattutto nelle fasi che seguono il decollo e precedono l’atterraggio. Quello che non sempre viene tenuto in debita considerazione, specie in un periodo di vacanza quando ci si sposta con bambini piccoli è che i fastidi legati agli sbalzi pressori posso essere più difficili da compensare e sopportare soprattutto per i più piccoli. Come comportarsi? Ad esempio è utile, soprattutto per i bimbi di pochi mesi, provare a farli ciucciare offrendo una tettarella con qualche liquido: in questa fase sarebbe importante riuscire a mantenere sveglio il bimbo, perché durante il sonno le deglutizioni si riducono. Se il piccolo è più cresciuto un aiuto può venire dalle gomme da masticare: grazie a questa semplice misura si apre la tuba di Eustachio che collega il naso con il timpano favorendo la decompressione sullo stesso, causa del dolore. Attenzione però: se è in corso una sinusite o un’, meglio evitare il viaggio e se c’è già mal d’orecchio meglio sentire il pediatra  e portare con sé i farmaci di automedicazione consigliati  per lenire l’eventuale dolore. Il viaggio sarà più sereno per tutti!

News correlate

Zucche per proteggere le vie respiratorie e non solo
Rimedi della nonna
La natura ci mette a disposizione molte armi che possono aiutarci a combattere i virus che proprio in autunno ...
Quando l’inquinamento può nascere dalla natura
Farmaci di automedicazioneNews
Mal di gola. Tosse. Sensazione di respiro che manca. Infiammazioni delle vie respiratorie. Sono tanti i proble...
Attenti ai virus dopo lo sport
News
Passata la buriana alimentare delle feste di fine anno è facile trovarsi con qualche rotolino di “ciccia”...