Ciao, sono bollino!
10 Aprile 2020

Arriva il sabato: che mal di testa!

Tempo di lettura: 4 minuti

Molte persone dimostrano di essere in perfetta forma durante i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, riuscendo ad affrontare in piena forma gli impegni lavorativi e scolastici. Ma, non appena arriva il fine settimana, cominciano ad avvertire un cerchio alla testa che può rovinare la giornata. Non preoccupatevi, non è nulla di allarmante. È certo che questo disturbo, presente soprattutto tra i giovani, rischia di rovinare i tanto attesi . I farmaci di automedicazione possono ridurre l’intensità del dolore, soprattutto le algie localizzate alla nuca o alle tempie; è però altrettanto importante ricordare che, quando il problema si protrae nel tempo, la miglior cosa da fare è mettersi subito in contatto con il proprio medico.

Per combattere, quindi, quella che viene comunemente definita “cefalea da weekend”, che ci limita nei momenti di svago in famiglia o con gli amici, è necessario cambiare le proprie abitudini. Questo tipo di , infatti, compare proprio quando vorremmo rimanere più tempo a riposare durante la mattina, magari ritardando la colazione, senza vincoli di orario dettati dagli impegni quotidiani.  Ebbene, secondo gli esperti, pare proprio che la tranquillità e la variazione degli orari del fine settimana possano giocare un ruolo decisivo nell’insorgenza del .

Il motivo sarebbe da ricercarsi nell’alterazione dei (“orologio” biologico dell’ che regola il ritmo sogno-veglia): spostare anche solo di due ore in avanti la propria sveglia biologica, significa modificare i ritmi acquisiti nel tempo dal corpo. Allo stesso modo influirebbe negativamente sulla salute mentale andare a dormire tardi la sera: se normalmente si va a dormire intorno alle 22 e poi, una o due volte la settimana si rimane in piedi fino alle 2 o alle 3 di notte, il corpo fa fatica ad adattarsi, cosicché lo fisico può manifestarsi con la comparsa di cefalea.

Inoltre, secondo alcune teorie, anche il riposo del fine settimana potrebbe causare l’insorgenza di forti e improvvisi mal di testa dovuti anche alle tensioni accumulate durante l’intera settimana. Infine, un’altra teoria interessante è quella che riguarda la : secondo alcuni esperti, infatti, gli attacchi di cefalea potrebbero essere proprio collegati alle minori quantità di /thè assunte nel fine settimana rispetto agli altri giorni. Questo potrebbe causare una risposta dell’organismo  con la cefalea come segnale di “carenza” della stessa sostanza.

News correlate

Se il mal di testa nasce dalla troppa bici!
20/04/2017
News
La troppa bicicletta può scatenare feroci mal di testa, e anche dare il via a vere e proprie crisi di emicran...
Vento e “sindrome da scirocco”
8/06/2015
News
Tra le anemopatie, ovvero quelle condizioni che possono influire sul benessere e sono legate alla presenza del...
Dermatite seborroica: quando lo stress attacca la pelle
19/03/2020
Stress
Quando si parla di stress il pensiero va subito ai disturbi generalmente legati all’eccessiva tensione emoti...