Ciao, sono bollino!

Candida: effetto ping-pong

di lettura: 3 minuti
Prevenzione e cura per contrastare l’infezione, che spesso rimbalza nella coppia

I sintomi nella donna sono facilmente riconoscibili. La parete della vagina si ricopre di perdite biancastre, ad indicare la presenza di un’infiammazione, la vulva è irritata e la secrezione vaginale si riduce. In più possono esserci dolore durante il rapporto, bruciore e difficoltà a urinare.

Nel maschio, invece, spesso l’infezione non si manifesta in alcun modo. È grazie a questa “strategia” che spesso la candidosi, un’ causata da un micete del genere candida, tende spesso a cronicizzare, passando da un partner all’altro.

Bloccare questo “ping-pong” è necessario, attraverso l’astensione dai rapporti. Ma la cosa più importante è ovviamente trattare l’infezione: quando si sanno riconoscere i sintomi si può fare ricorso ai farmaci di automedicazione sotto forma di ovuli, lavande e altro, che possono contrastare la micosi e risolvere il problema. Quando i sintomi compaiono per la prima volta o persistono è bene rivolgersi al proprio ginecologo. Non bisogna dimenticare inoltre l’importanza della prevenzione: tra le cause di sviluppo della candida ci sono soprattutto , una dieta troppo ricca di zuccheri e lieviti, indumenti eccessivamente stretti e l’uso di biancheria non idonea.

Per questo sul fronte dell’ è importante seguire una dieta varia ed equilibrata: ricca di frutta e , per garantire la buona funzionalità dell’ e l’efficacia del . Per quanto riguarda l’ intima impiegando detergenti a pH fisiologico, cioè simile a quello delle mucose (pH 4 o 5) ed evitando invece saponi troppo aggressivi che alterano l’acidità e deodoranti intimi. Infine, per evitare il fastidioso rischio del passaggio del fungo da una persona all’altra durante il rapporto sessuale, sarebbe sempre utile fare uso del profilattico.

Tags