Ciao, sono bollino!

Durante le feste, occhio allo stomaco

Tempo di lettura: 3 minuti
Durante le feste occhio allo stomaco

Le prelibatezze possono portarci a fare indigestione: attenzione a non esagerare!
Trattenersi non è certo semplice. Durante le feste natalizie rinunciare alle leccornie che si presentano in tavola è difficile, ma spesso il risultato di un’abbuffata è ben poco piacevole: pancia gonfia, digestione lenta e stomaco che fa fatica. Il motivo è semplice: le ricette natalizie possono rappresentare una vera e propria “bomba” per la . Pensate solo che lo zampone, come il cotechino, contiene all’incirca un terzo di carni suine magre, un terzo di cotenna depilata e un terzo di grasso di maiale. Quindi, va bene consumarlo ma meglio come piatto unico insieme alle lenticchie: sappiate che un etto di questo salume da cuocere dà quasi 400 calorie e magari si digerisce a fatica. Sulla però può pesare anche l’anguilla che fa parte della tradizione natalizia di molte zone. Pesce di acqua dolce, chiamato capitone quando supera i 50 centimetri di lunghezza, non è un pesce magro, tutt’altro: la carne di anguilla contiene ben il 23,7 per cento di grassi. Se ai grassi si aggiungono poi zuccheri a gogò e condimenti particolarmente elaborati, capirete che lo stomaco viene messo a dura prova e quindi occorre pensare alle necessarie contromisure. La prima regola è trattenersi, limitando le “overdose” di cibo.  Senza dimenticare che i farmaci di automedicazione rappresentano la soluzione ottimale per limitare i fastidi di stomaco, scegliendo i principi attivi più efficaci caso per caso. E buon appetito!

News correlate

Epoca di collants, ma occhio alla digestione!
Meteo saluteNews
Con l’autunno sono finiti i bei tempi in cui si potevano mostrare liberamente le gambe abbronzate: è tornat...
Quanto bene fanno i legumi!
Rimedi della nonna
Una volta, i legumi erano la “carne” dei poveri per la loro ricchezza di principi nutritivi, tra cui le pr...
Non chiudetevi in casa anche se fa freddo
News
Aprite le finestre! Era quasi un obbligo morale, l’ordine che lanciavano le nostre mamme nelle fredde mattin...