Ciao, sono bollino!

L’influenza? Preveniamola con allegria!

di lettura: 3 minuti
influenza

Andiamo con ordine. Al momento la vera influenza non è ancora particolarmente diffusa e i tanti sintomi che ci attaccano, dal a qualche linea di febbre, dal raffreddore alla debolezza, sono la conseguenza dell’attacco dei tanti “cugini” dell’influenza che circolano nell’aria. I , che ci aiutano a combattere i sintomi, sono lo strumento ideale per superare i fastidi. Parlando di influenza “vera”, tuttavia, non dobbiamo dimenticare che la è fondamentale, soprattutto per le categorie a rischio tra cui  gli anziani. E la prevenzione si fa con il da unirsi ad un pizzico di “buonumore”. Non ci credete? Lo dice la scienza, o meglio uno studio apparso su Brain, Behavior and Immunity che ha coinvolto quasi 140 anziani, popolazione che classicamente può avere una risposta leggermente inferiore in termini protettivi alla vaccinazione. La , davvero unico nel suo genere, dimostra che il psicologico rappresenta un elemento chiave per favorire una risposta ottimale alla vaccinazione – fondamentale per evitare le complicanze –  nonostante nell’anziano la reazione difensiva potrebbe essere meno efficace in termini di sintomatologia rispetto ad un soggetto più giovane per la senescenza del . Conclusione: il buonumore ed una vita sociale attiva possono aiutare chi ha i capelli bianchi a difendersi meglio dai virus influenzali! Influenza: il contagio davanti alla tv