Ciao, sono bollino!

Aiuto, ho l’orticaria!

Spesso, quando una situazione o una persona ci infastidiscono, utilizziamo l'espressione “Mi fa venire l'orticaria!” ma cos'è è in realtà l'orticaria?
Tempo di lettura: 6 minuti

Spesso, quando una situazione o una persona ci infastidiscono, utilizziamo l’espressione “Mi fa venire l’!” ma cos’è è in realtà l’?

In qualche raro caso, è una vera e propria malattia. In tali circostanze è fondamentale che sia il medico a definire con cura la diagnosi del fenomeno e a impostare il trattamento più indicato. Per fortuna, nella stragrande maggioranza delle persone, la comparsa dell’orticaria che si manifesta attraverso pomfi pruriginosi simili a quella che un tempo veniva chiamata “voglia di fragola” è un fenomeno dermatologico passeggero che, in quanto tale, può essere affrontato efficacemente con i efficaci nell’alleviarne i sintomi, siano essi da applicare direttamente sulla pelle oppure da assumere per via generale. Ma, anche in questi casi, quando il fenomeno non deve destare particolare preoccupazione, è importante capire quali possono essere i fattori scatenanti degli attacchi caratterizzati da e fastidi, che a volte si estendono anche alla lingua e alle labbra. In termini generali l’orticaria è da considerare un’eruzione cutanea caratterizzata dalla comparsa improvvisa di pomfi rossi o bianchi, macchie rilevate di dimensioni variabili e che generalmente provocano , fastidio o addirittura .

Le cause dell’orticaria sono molteplici e legate a reazioni allergiche, a virali ma anche batteriche, a parassitarie per esempio da elminti (vermi), e il disturbo può manifestarsi come orticaria da contatto con /allergizzanti (ortica, medusa, insetti, alghe, processionaria, acari, ecc.), determinata da additivi, da farmaci oppure caratterizzarsi per essere di natura allergica e non allergica, derivante da alimenti, da agenti fisici, da freddo, da caldo, da pressione, solare o anche da . Purtroppo, proprio per la grande variabilità delle possibili cause, nella maggior parte dei casi, soprattutto se l’orticaria non è da contatto, non si riesce a identificare la specifica causa che determina la manifestazione dei sintomi.

Nella forma acuta l’orticaria dura circa quattro settimane, ma può risolversi spontaneamente anche nell’arco di poche ore o di una giornata. Sul fronte della prevenzione, specie nei casi in cui non venga riconosciuto l’elemento che dà il via ai problemi, è sempre importante verificare l’ e l’ingestione di cibi che possono determinare liberazione di , capaci quindi di scatenare i disturbi. Per questo l’orticaria si combatte anche a tavola, con una dieta di “eliminazione”: per alcuni giorni si mangiano solo cibi sicuramente non nocivi per poi aggiungere alla dieta un nuovo alimento ogni giorno finché non ricompaiono i disturbi. A quel punto è evidente che quel determinato alimento o bevanda può essere considerato responsabile dei problemi. Per queste forme spesso la colpevole è l’ che viene liberata a seguito dell’esposizione ad un allergene contenuto in un cibo ingerito che l’organismo riconosce come nocivo. L’ favorisce l’infiammazione e quindi dà il via ai ponfi e al prurito associati, a volte, a mal di testa o dolori di pancia. Gli alimenti a maggior rischio, in questo senso sono, nelle persone predisposte il cioccolato, le fragole, le banane, le arachidi, i crauti, i pomodori, i formaggi fermentati o anche il vino bianco. L’approccio terapeutico si basa essenzialmente sull’assunzione di , specie nelle forme più leggere: in questo senso i farmaci di automedicazione possono essere di grande aiuto.

C’è un ultimo particolare da non sottovalutare: fate attenzione a non grattarvi troppo anche se il prurito diventa difficile da dominare. Evitate indumenti di fibre sintetiche irritanti a contatto con la pelle, non strofinate la pelle asciugandola.

News correlate

Stiamo a casa ma rimaniamo attivi: i consigli per favorire il benessere fisico e psicologico
Speciali e dossier
In questo periodo in cui stiamo sperimentando il distanziamento sociale per le misure di contenimento del Coro...
Quando il micio ti graffia
News
Piccoli graffi possono trasmettere un’infezione: normalmente l’automedicazione consente di risolvere il pr...
Così lo stress scatena il mal di schiena
Stress
Molte ore passate davanti al computer senza poter utilizzare la sedia ergonomica dell’ufficio, oppure postur...