Ciao, sono bollino!

Pelle in salute anche con la brutta stagione: attenzione al freddo e all’umidità!

Tempo di lettura: 7 minuti

L’inverno è spesso sinonimo di influenza e sintomi da raffreddamento ma è importante non sottovalutare tutti gli altri piccoli disturbi che possono colpirci a seguito dell’abbassamento delle temperature e del ritorno in e , come la secchezza della pelle, le micosi e perfino inaspettate scottature solari e herpes labialis.

La pelle di viso e mani è più sensibile rispetto a quella del resto del corpo e, se esposta a temperature rigide e a vento, può facilmente seccarsi. Inoltre, se non trattata correttamente, può desquamarsi e portare alla formazione di piccoli tagli, in particolare alle estremità delle dita. Un buon rimedio per evitare un’eccessiva secchezza della pelle è quello di mantenerla adeguatamente idratata, così da ristabilire il giusto contenuto di liquidi nello strato più superficiale dell’. Il consiglio di bere due litri di acqua al giorno è infatti valido anche durante la stagione invernale.

L’idratazione e l’utilizzo di creme e lozioni per ristabilire l’equilibrio idro-lipidico sono senz’altro il primo passo per una pelle sempre sana ma, nel caso in cui siano previste escursioni in montagna, e tra qualche tempo, gite sulla neve e sciate, non bisogna dimenticare di fare attenzione alle solari. La neve riflette i raggi del sole ben quattro volte più della sabbia. Diventa quindi indispensabile un’adeguata protezione solare, soprattutto della pelle del visto e del petto, non più abituata all’esposizione ai raggi del sole, ancora di più in montagna dove l’intensità della rifrazione solare può più facilmente provocare arrossamenti e un’infiammazione che può evolvere velocemente dal semplice prurito al dolore con sintomi generalizzati. Inoltre, mai dimenticare di proteggere le labbra, visto che l’esposizione al sole sommata allo sforzo fisico può “slatentizzare” l’infezione da che, oltre ad essere antiestetica, è fastidiosa in termini di prurito e .

Per prevenire e curare questi disturbi è utile far ricorso alle creme solari e, quando necessario, ai farmaci di automedicazione, riconoscibili grazie al bollino rosso che sorride sulla confezione. In caso di scottature, i farmaci di automedicazione, contenenti sostanze emollienti possono aiutare ad alleviare le irritazioni cutanee così come le ad azione disinfettante, antipruriginosa e anestetica. Per aiutare la pelle a rigenerarsi più in fretta dopo una scottatura, possono venire in nostro aiuto anche farmaci a base di principi attivi che aiutano il rinnovamento dell’epidermide. In caso di herpes sulle labbra si può ricorrere ad antivirali per uso topico, da applicare direttamente sulla bocca, meglio se ai primi segni dell’infezione.

In inverno la nostra pelle corre pericoli non soltanto all’aperto ma anche nelle palestre e nelle piscine che, proprio perché ambienti caldi e umidi, rappresentano il luogo perfetto per la proliferazione dei – scientificamente detti – responsabili della comparsa delle cosiddette micosi cutanee.
Con l’arrivo del torna infatti la routine dell’attività fisica indoor che espone ogni anno milioni di italiani alle infezioni della pelle causate da funghi in grado di diffondersi anche su peli e unghie.

Un primo segnale della presenza di micosi può essere il cambiamento di colore della pelle, con un arrossamento localizzato nelle parti più predisposte a questo disturbo, come le pieghe inguinali o gli spazi interdigitali. A seguito del rossore, con l’avanzamento della micosi, si possono verificare anche desquamazione e prurito. Il trattamento più efficace contro questo disturbo è certamente rappresentato dai farmaci di automedicazione come gli antimicotici per uso topico. Nei casi in cui la micosi sia difficile da sconfiggere è importante rivolgersi tempestivamente al proprio medico che può indicare trattamenti sistemici. Infine, tra i consigli utili da mettere sempre in pratica in via preventiva: mai scambiarsi accappatoi e asciugamani quando si fa sport, evitare di camminare scalzi e di utilizzare detergenti particolarmente aggressivi che possano modificare l’acidità della pelle, favorendo l’attacco dei e asciugarsi bene dopo bagni e docce, così da evitare che si crei quel microclima umido favorevole all’insorgere dei funghi.

News correlate

Il mistero dell’unghia incarnita
DoloreFarmaci di automedicazioneNews
È un fastidio che porta infiammazione: il ricorso ai farmaci di automedicazione è utile per combatterla...
Il bebè ha sempre le mani fredde
News
Un neonato non si muove e quindi può avere più freddo di un genitore in movimento ma e’ importante sapere ...
Settembre in cerca di funghi, ma occhio alle zecche
News
Le giornate di sole cominciano ad alternarsi alle classiche piogge che annunciano l’arrivo dell’autunno. ...