Ciao, sono bollino!

Parola d’ordine, camminare: ma occhio alla punta della scarpa

Tempo di lettura: 5 minuti

Compatibilmente con le necessità di distanziamento e seguendo le regole indicate, è importante in questo periodo dell’anno non abbandonare l’ all’aperto. Non solo per mantenersi in forma, ma anche per ottenere, grazie all’esposizione alla luce solare, quantitativi di vitamina D utili a non subirne un deficit. Per cui, quando possibile, indossate le scarpe da ginnastica e, se siete sufficientemente allenati, fate una corsa. In alternativa, una passeggiata a passo veloce può aiutare a mantenersi in forma. Attenzione però, per camminare bisogna scegliere bene le calzature. I non devono “subire” la camminata ma aiutarla. Per questo è importante appoggiarli correttamente al suolo, per distribuire la forza su tutta la pianta. Spingendo correttamente con l’intera pianta del piede si permette, infatti, a tutto il corpo, e soprattutto alla schiena, di mantenere una posizione corretta, riducendo il rischio di dolori. È poi importante che le calzature non siano troppo strette per consentire una corretta circolazione del sangue del piede. Per quanto riguarda il tacco, dovrebbe aggirarsi sui due centimetri per rialzare la parte posteriore del piede. Attenzione va prestata anche alla calze, che devono consentire la traspirazione e ridurre il rischio di microtraumi da scarpa.

Un ultimo accorgimento consiste nel concentrarsi anche sulla punta delle scarpe. Non stiamo parlando solamente del giusto spazio che deve esserci all’estremità della calzatura, ma anche dell’angolatura della punta, che dovrebbe riprodurre la posizione che assumiamo quando ci muoviamo a piedi nudi. Grazie alla punta rialzata, infatti, quando il tallone si appoggia a terra si limita la pressione del polpaccio sulla parte anteriore del piede. A ricordare questo aspetto, è uno studio pubblicato su Scientific Reports secondo cui le scarpe la cui punta è orientata verso l’alto consentono di ridurre l’impatto dello sforzo muscolare. La ricerca ha dimostrato nello specifico che, rialzando la punta, si cammina meglio, perché si riduce il lavoro dei muscoli sui punti di connessione tra le ossa delle dita e quelle del resto del piede.

Scegliete quindi con cura le calzature quando decidete di correre o camminare a lungo: la salute del piede e una postura corretta anche in caso di movimento sono importanti per la salute generale del sistema muscolo-scheletrico. Nel caso comparissero comunque piccoli fastidi, dalle classiche vesciche fino a veri e proprio dolori muscolari o articolari, i farmaci di automedicazione possono essere di grande aiuto per far fronte alla situazione e consentire, dopo il giusto riposo, di riprendere il passo.