Ciao, sono bollino!

Poggiatesta in linea, per proteggere la schiena

Tempo di lettura: 3 minuti
guida schienale

Per chi sta al volante utilizzare al meglio il poggiatesta significa proteggere la Dopo diverse ore al volante alcune persone accusano mal di schiena. E non c’è solo il classico che compare all’altezza dei lombi, ma a volte i fastidi si sentono più in alto, in corrispondenza del collo, o addirittura si “spostano” verso la nuca, dando spesso origine ad un mal di testa di tensiva. Come difendersi? Sicuramente i farmaci di automedicazione sono molto efficaci nel contrastare l’ e il dolore, ma tanto può essere fatto in chiave preventiva. E il rimedio si chiama poggiatesta, un optional da impiegare al meglio. Per questo occorre imparare a regolare correttamente questo dispositivo per ridurre il rischio di guidare con la schiena curvata in avanti oppure eccessivamente rilassati all’indietro. Queste posture, oltre a risultare potenzialmente più pericolose in caso di tamponamento – il collo rischia un più intenso colpo di frusta quando non è ben “stabilizzato” sul sedile – possono scatenare dolori al collo, legati alla dei muscoli intorno alla schiena. Per mantenere il capo nella posizione voluta, i muscoli paravertebrali di un lato sono costretti a rilassarsi, mentre quelli del lato opposto si contraggono eccessivamente per compensare la posizione. E a volte sono la causa di furiosi mal di testa localizzati soprattutto alla nuca. Il corretto uso del poggiatesta consente di limitare i problemi. Come regolarlo? Spostatelo in modo che rimanga a circa 7-8 centimetri dall’orecchio, poi fissatelo.