Ciao, sono bollino!

“Se sano vuoi campare, erba e frutta hai da mangiare”

Tempo di lettura: 4 minuti

Quanto avevano regione i nostri nonni, quando ci consigliavano il classico pinzimonio. Così all’inizio della primavera, conviene davvero renderci conto dell’importanza di consumare regolarmente i prodotti della natura. In termini generali, sarebbe importante consumare almeno cinquecento-seicento grammi al giorno di vegetali, divisi in cinque porzioni. L’importante è variare, cercando di tenere a mente che tutti i colori, dal giallo e arancio dei peperoni, delle albicocche e delle carote fino al viola scuro dei frutti di bosco, dovrebbero trovare posto nella nostra .

Ma quali sono i benefici che arrivano dal consumo regolare di prodotti della terra? Prima di tutto i vegetali sono ricchi di , quindi favoriscono il buon funzionamento dell’intestino, poi hanno un’attività antiossidante molto spiccata. Ciò vuol dire che l’assunzione regolare di frutta e verdura può aiutare a mantenere la salute dei diversi apparati, in particolare del cuore e dei vasi sanguigni. L’elevato contenuto di vitamine come A e C di molti vegetali consente di “contrastare” l’azione dei radicali liberi che facilitano l’insorgenza di degenerazione delle cellule, anche di quelle che costruiscono la parete interna delle arterie.

Inoltre, secondo molti studi, un adeguato apporto di frutta e verdura nella dieta, oltre a fornire preziose sostanze nutritive all’organismo, riduce il rischio di andare incontro a diverse forme di tumori. Su questo fronte bisogna ricordare che le fibre contenute nei vegetali, e in particolare in quelli a foglia verde, stimolano all’interno dell’intestino processi chimici di fermentazione che inducono la liberazione di acidi grassi con una specifica struttura chimica. Si tratta degli acidi grassi a catena corta, come ad esempio l’acido butirrico, che sono in grado di favorire l’apoptosi, cioè il “suicidio programmato” della cellule che si trovano in condizioni “critiche” e potrebbero avere problemi al momento della loro duplicazione, con rischio di trasformazioni patologiche. Inoltre, i vegetali hanno una funzione protettiva sulla corretta duplicazione le cellule favorendo il passaggio corretto del materiale genetico alle cellule.