Ciao, sono bollino!

Un pizzico di piccante aiuta davvero il cuore

Tempo di lettura: 3 minuti
un pizzico di piccante aiuta davvero il cuore

Spesso, soprattutto al sud, c’è la tendenza di aggiungere un pizzico di peperoncino ai piatti. La scelta non nasce solamente da un problema di gusto, ma, come dicevano le nonne, aggiungere un elemento piccante poteva aiutare la digestione dello stomaco (specie in caso di piatti molto elaborati che potevano indurre e nausea). Oggi la scienza arriva a segnalare come il piccante sia anche amico del . A dirlo, sia pure senza spiegare i meccanismi attraverso cui si esplicherebbe l’effetto protettivo, è una ricerca condotta in Cina sulla base dei dati raccolti su quasi 7.000 persone e pubblicata su British Journal of Nutrition. Oltre alla valutazione del consumo di alimenti piccanti e dell’entità di queste “aggiunte” gli scienziati hanno misurato il profilo lipidico dei partecipanti, ovvero totale, Hdl (quello ad azione protettiva), Ldl (le proteine che legano il “cattivo” mantenendolo all’interno dei vai sanguigni) e trigliceridi. Quanto più aumentava il consumo e la frequenza degli alimenti piccanti tanto più erano alti i valori del buono e più bassi quelli del cattivo, oltre che dei trigliceridi. Insomma, oltre a dare gusto, un pizzico di piccante può aiutare la salute a meno che non sia controindicato dalle condizioni dello stomaco. Senza dimenticare che con i piatti elaborati è sempre meglio non esagerare e che i farmaci di automedicazione, in caso di eccessi, possono aiutare a combattere , e simili.

per la pressione prediligi il piccante

News correlate

Per la digestione lenta, una foglia d’alloro
News
Le nostre nonne usavano le foglie d’alloro per insaporire i piatti, ma non solamente per un problema di gust...
Buone feste, ma occhio agli stravizi
News
Più o meno cent’anni fa, viveva un signore che si chiamava Tom. Faceva il guardiano del laboratorio di un g...
A Pasqua occhio allo stomaco!
News
Ognuno ha la sua tradizione e ognuno, vale la pena di ricordarlo, ha anche le proprie abitudini alimentari. Se...