Ciao, sono bollino!
16 Febbraio 2018

Abbuffate la sera? No grazie!

Tempo di lettura: 4 minuti
lasaluteviensapendo_ Abbuffate la sera? No grazie!

Rispettate i ritmi dei pasti se non volete ingrassare. Quante volte abbiamo sentito questa frase? L’affermazione è frutto della ricerca scientifica che ha ampiamente dimostrato come l’eccesso di cibo consumato la sera, quando magari si fa il pasto principale della giornata, si traduce in un aumento del rischio di sviluppare le antiestetiche e soprattutto poco salubri “valigie” dell’amore. Ora però la stessa scienza ipotizza che non per tutti sia così. Ci sarebbero persone che, per il loro particolare orologio biologico, potrebbero essere maggiormente portate a sopportare anche cene particolarmente robuste, senza per questo doversi ritrovare con qualche chilo di troppo. La ricerca è stata condotta al Brigham and Women’s Hospital insieme con l’Università di Harvard proprio per capire quale possa essere il rapporto tra orario di assunzione dei pasti, orologio biologico interno, composizione dei pasti e grassi corporei. I “campioni” per la rilevazione sono stati 110 studenti universitari, sul cui smartphone è stata caricata un’applicazione in grado di registrare sia le ore dei pasti che i ritmi del . Inoltre, nell’ambito di un breve ricovero, sono stati monitorati i valori della melatonina, delle modalità e dei tempi necessari per cadere tra le braccia di Morfeo e del contenuto di grasso e muscoli dell’organismo. In genere lo studio ha confermato che quanto più si eccede la sera tanto maggiore è la possibilità di ritrovarsi con quantitativi di grasso maggiori, proprio in base alle variazioni dei livelli di melatonina. Tuttavia non esisterebbe una chiara relazione tra orario di assunzione degli alimenti, il quantitativo calorico, la durata del e l’attività fisica. Come a dire che per qualcuno anche introitare calorie la sera, nell’ambito di un’alimentazione intelligente, potrebbe rivelarsi poco significativo in termini di controllo del peso. Ovviamente si tratta solo di un particolare risultato, che contribuisce a spiegare la differenza di effetto sul fisico di una cena robusta. Per controllare il peso, in ogni modo, conviene sempre rispettare il ritmo dei pasti, evitare le abbuffate serali che, a causa della pesantezza di stomaco possono avere conseguenze sul benessere di stomaco e intestino generando i sintomi della cattiva digestione quali bruciore di stomaco, nausea, gonfiore,  e rendere difficoltoso il riposo.cibo mal di testa

News correlate

Attenzione al fegato che “ingrassa”
19/11/2019
News
Chi pensa che solo l’alcol e i virus possano danneggiare il fegato probabilmente non conosce una condizione ...
Per tenervi in forma, cambiate i piatti!
30/12/2015
News
Le porzioni eccessive sotto accusa: mangiare di tutto, ma a dosi minori. Per far fronte all’epidemia no...
Sfruttate i funghi, aiutano il cervello
3/11/2017
Rimedi della nonna
Esagerare non conviene. Lo ricordavano le nonne, quando i funghi diventavano uno dei primi alimenti più amati...