Ciao, sono bollino!

In estate, occhio al jet lag “sociale”

Tempo di lettura: 3 minuti
In estate occhio al jet lag sociale
La vita di ogni giorno è segnata da tappe e orari ben precisi. Ci si sveglia alla solita ora, si lavora o si va a scuola, si arriva la sera e si va a letto per il giusto riposo.
In estate, quando si è in vacanza, questi ritmi si possono alterare. Soprattutto si tende ad andare a dormire più tardi, complice il caldo e il desiderio di divertirsi. Nasce così una sorta di “jet lag” che il corpo può avere difficoltà ad accettare.
A mettere in luce questo rischio è una ricerca condotta all’Università dell’Arizona, presentata sulla rivista Sleep. Lo studio ha preso in esame un migliaio di persone tra i 22 i i 60 anni, concentrando l’attenzione sugli “sbalzi” nei ritmi del che si presentavano nel corso del week end o dei periodi di vacanza. Stando all’indagine, una sola ora diQuel tweet che toglie il sonno“Social Jet Leg”, con conseguente ritardo nell’andare a letto, aumenterebbe il rischio di malattie di anche più del 10 per cento. Come se non bastasse, nelle valutazioni psicologiche chi si è trovato a far fronte ad un mutamento delle abitudini nel riposo notturno ha riferito un senso di sonnolenza e una apparentemente inspiegabili.
Le abitudini del corpo, insomma, sono dure da dominare.
Al fine di godere dei vantaggi della vacanza e dei benefici derivanti proprio da ritmi di vita diversi, il consiglio è, soprattutto nei primi giorni di ferie, di assecondare l’organismo, cercando di svegliarci e andare a dormire in orari non troppo diversi da quelli abituali, permettendo al corpo di adattarsi meglio e con minori segnali di malessere ai nuovi ritmi.

News correlate

Cinque ore di sonno? Solo per pochi!
News
“Non ho bisogno di dormire, sono in perfetta forma”. Quante volte abbiamo ascoltato frasi di questo tipo d...
Abbuffate la sera? No grazie!
Farmaci di automedicazioneNews
Rispettate i ritmi dei pasti se non volete ingrassare. Quante volte abbiamo sentito questa frase? L’affermaz...
Il bimbo che non dorme? Tale e quale la mamma!
NewsStress
“Talis pater, talis filius”. I latini non avevano dubbi nel definire le caratteristiche del bimbo, riferen...