Ciao, sono bollino!

Troppo tablet e la schiena fa “ahi”!

Tempo di lettura: 4 minuti
microsoft tablet schiena

Attenti alla : per contrastare i sintomi, semaforo verde per i farmaci di automedicazioneSe soffrite spesso di mal di schiena, lombalgie o dolori al collo, attenzione alle overdose informatiche. Anche se utilizzate i tablet. Se non seguite qualche semplice regola preventiva e obbligate testa e collo a chinarsi verso il basso per assicurare la lettura, siete più a rischio. A dirlo è una ricerca che ha coinvolto 15 utilizzatori di tablets. Lo studio è stato condotto da studiosi dell’Università di Harvard, del Brigham and Women’s Hospital e della Microsoft ed è stato pubblicato su “Work: Journal of Prevention, Assessment and Rehabilitation”. Il problema dei tablets sarebbe collegato alla particolare posizione della testa e del collo. Secondo quanto riporta Jack Dennerlein, coordinatore della ricerca, in confronto al classico desktop del computer l’impiego dei tablet sarebbe associato ad una maggior flessione della testa e del collo, con conseguente maggior rischio di tensione muscolare nelle aree in questione. Normalmente, infatti, la scrivania su cui si appoggia il PC e la sedia vengono posti in posizione ergonomica, consentendo di mantenere una posizione sufficientemente eretta del capo. Con i dispositivi portatili, invece, occorre sempre adattarsi all’ambiente in cui ci si trova, magari in sala d’aspetto in stazione o in aeroporto o sul bus, e appoggiandolo sulle gambe si può favorire un eccessiva flessione del collo per seguire quanto avviene sullo schermo. Per ridurre i rischi, in ogni caso, basterebbe aprire il tablet con una giusta angolazione, tale da evitare l’eccessivo piegamento di testa e collo. Infatti, la prima regola per evitare dolori articolari e muscolari è quella di abituarsi a tenere una postura corretta che non metta sotto sforzo il collo. In ogni caso, se avete qualche dolore, e problemi di mobilità del collo e potete affrontarli adeguatamente con i farmaci di che rappresentano un valido supporto nel risolvere l’infiammazione e il dolore che l’accompagna. Senza dimenticare la prevenzione.

 

 

News correlate

Quel dolore che non ti lascia fare goal
DoloreFarmaci di automedicazioneNews
Avete presente quel fastidio che inizia nella zona del pube e si diffonde all’inguine? Se fate sport ma maga...
Erbe aromatiche in cucina, cervello più “fresco”
NewsStress
Il segreto è l’apigenina, che avrebbe azione sulle cellule nervose e sui collegamenti tra di esse. Tim...
Tieniti in forma… sulla pista da ballo
AntinfiammatoriNews
A tutte le età il ballo fa bene. Va scelto in base alle possibilità fisiche, oltre ovviamente allo stato di ...