Ciao, sono bollino!

Il giusto riposo aiuta la memoria

Tempo di lettura: 3 minuti

“Vai a letto presto!”. Quante volte le nostre mamme ci hanno ripetuto questa frase soprattutto prima di una prova di o di lavoro importante! Dopo aver preparato una cena leggera, l’invito a non fare le ore piccole era accompagnato, magari, dalla preparazione di una camomilla o una tisana di erbe per aiutare il relax e conciliare il riposo.

Oggi la ricerca conferma che il riposo notturno è fondamentale per garantire al cervello il giusto “recupero” che si realizza soprattutto quando compaiono le onde “lente”, classiche del profondo. Se non si ottiene una sufficiente “ripresa” dei durante la notte, col tempo si accumula una sorta di vera e propria “difficoltà” cerebrale che alla lunga fa comparire problemi di giorno in termini di stanchezza, difficoltà di concentrazione e memorizzazione. Infatti, la mancanza di può incidere pesantemente sulla . Numerosi studi hanno evidenziato il ruolo che il svolge nei processi si . Infatti, il riposo facilita il consolidamento della memoria perché i ricordi sembrano fissarsi meglio mentre si dorme. In particolare si è visto che durante il ad onde lente, il cosiddetto non REM, i neuroni stimolati in veglia nel corso di un processo di apprendimento sembrano riattivarsi e rinforzare i loro collegamenti, favorendo la memorizzazione. In pratica, il agirebbe come “rivitalizzante” dei neuroni, aiutandoli ad eliminare i collegamenti inutili che durante il giorno si creano tra le cellule nervose, tenendo e rafforzando solo quelli utili.

News correlate

Arriva il sabato: che mal di testa!
La salute vien sapendo
Molte persone dimostrano di essere in perfetta forma durante i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, riu...
Il naso chiuso danneggia la memoria
News
A prima vista appare impossibile. Ma avere le narici che non lasciano passare l’aria, sia per una forma vira...
Contro la tristezza, fai una passeggiata… stancante!
Rimedi della nonna
Quante volte, nei tempi andati, le nostre nonne quando ci vedevano giù di corda , ci dicevano “esci e fai u...