Ciao, sono bollino!

L’obesità si può evitare anche se scritta nei geni

Tempo di lettura: 4 minuti

Pare proprio che per chi è in , la non sia una condanna, visto che pare basti un po’ di per scombinare i piani del destino. Ne sono convinti i ricercatori della che hanno dimostrato che una corsetta leggera (sotto i 10 chilometri all’ora) effettuata con regolarità può allontanare il rischio di anche nelle persone con una predisposizione al sovrappeso. Lo studio pubblicato su è il primo a fornire indicazioni precise sul tipo di più efficace a contrastare l’azione dei che favoriscono l’obesità.

Il grasso in eccesso tipico delle persone obese è frutto di una deleteria combinazione tra patrimonio genetico e . Vale a dire che e i geni sono responsabili solo in parte dell’obesità perché contano altri fattori come sedentarietà e alimentazione scorretta. E se non si può fare nulla per modificare le decisioni della “dea bendata” su come distribuire a monte i geni, si possono contrastare le caratteristiche genetiche di chi è predisposto ad accumulare peso mettendosi a correre. Non c’è bisogno di cimentarsi in maratone estenuanti o “andare al galoppo”. Basta “trottare” con regolarità (mezz’ora/un’ora tre volte a settimana) a un ritmo tranquillo, quel che basta per sudare e accelerare il battito cardiaco. I ricercatori hanno raccolto i dati genetici e sullo stile di vita di più 18 mila adulti cinesi tra i 30 e i 70 anni di età. Attraverso un questionario strutturato ogni partecipante ha fornito, informazioni sulla quantità e sul tipo di attività fisica svolta. Tutti i dati sono stati messi a confronto per valutarne l’impatto su i cinque parametri scelti per analizzare il livello di obesità: l’indice di massa corporea, la percentuale di massa grassa, la circonferenza della vita, la circonferenza dei fianchi e il rapporto tra la vita e i fianchi.

Ebbene, dai risultati è emerso che lo jogging fatto regolarmente risulta essere l’attività più indicata per contrastare l’effetto dei geni. Una corsetta al giorno è l’esercizio con l’impatto maggiore su tutti e cinque i parametri indicativi della forma fisica. Altri come la mountain bike, le camminate, il power walking, alcuni tipi di danza e di yoga hanno un impatto specifico solo sull’indice di massa corporea, riducendone il valore. A sorpresa, invece, il nuoto e il ciclismo non sembrano riuscire a contrastare gli effetti dei geni per quanto riguarda l’obesità.

News correlate

Buon riposo, dopo il pranzo, ma senza esagerare!
News
La pennichella aiuta la digestione e la ripresa dell’attività cerebrale, ma non deve prolungarsi troppo.Per...
Evviva l’attività fisica, ma occhio ai piccoli incidenti !
NewsSpeciali e dossier
Con la bella stagione si risveglia la voglia di movimento: impariamo come goderne i benefici senza effetti col...
Aperitivo e poi attività fisica? No grazie!
DoloreFarmaci di automedicazioneNews
In queste giornate che si stanno allungando e con il clima che si fa sempre più gradevole, difficile resister...